Le scorte di petrolio sono diminuite di 8,2 milioni di barili la scorsa settimana: fornitore di API Investing.com


© Reuters.

Yassin Ibrahim

Investing.com-Secondo le stime pubblicate martedì dall’American Petroleum Institute, le scorte di greggio statunitensi sono diminuite per la sesta settimana consecutiva.

Colpito da questa notizia, il benchmark del prezzo del greggio statunitense è salito dello 0,7% a 73,47 dollari USA al barile, dopo essere aumentato dello 0,5% a 73,31 dollari USA al barile.

Per la settimana terminata il 24 giugno si è registrato un calo di 8,2 milioni di barili. Al contrario, l’API ha registrato un calo di 7,2 milioni di barili nella settimana precedente.

L’API mostra anche che le scorte di benzina sono aumentate di circa 1,3 milioni di barili la scorsa settimana, rispetto a un aumento di 1 milione di barili nella settimana precedente, e le scorte di distillati sono aumentate di circa 400.000 barili.

Il rapporto ufficiale sull’inventario del governo pubblicato mercoledì dovrebbe mostrare che gli Stati Uniti hanno perso circa 4,7 milioni di barili a settimana la scorsa settimana.

Gli investitori petroliferi stanno aspettando la riunione di giovedì dei principali paesi produttori di petrolio e dovrebbero allentare le restrizioni alla produzione di petrolio greggio.

“[W]La Royal Bank of Canada ha dichiarato in un rapporto che credono che risponderanno alle richieste di più petrolio sul mercato e potrebbero aumentare l’offerta da 500 kb/d a 1 mb/g a partire da agosto. “La nuova struttura di riunioni mensili offre la flessibilità necessaria alle organizzazioni di produttori e pensiamo che esprimeranno la loro volontà di adeguare la produzione in base alle esigenze in futuro”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *