L’esercito guidato dagli Stati Uniti evacua i civili afgani e prende le armi Reuters


© Reuters. Foto d’archivio: il 23 giugno 2021, alla periferia di Kabul, in Afghanistan, uomini armati hanno partecipato a una manifestazione, annunciando di aver sostenuto le forze di sicurezza afghane e di prepararsi a combattere i talebani.Reuters/Stringer

Parwan, Afghanistan (Reuters)-Dost Mohammad Salangi, 55 anni, recitando poesie con una pistola, ha guidato un piccolo gruppo sulle aspre colline della provincia di Parwan, a nord della capitale afghana Kabul.

Indossa una folta barba e un cappello rotondo Pakol tradizionale per la protezione solare. Egli ha emesso un avvertimento per il movimento radicale islamico dei talebani, che ha aumentato i suoi attacchi l’esercito afgano con il ritiro delle truppe straniere e ha sostenuto il possesso di più territorio.

“Se iniziano una guerra contro di noi, ci opprimono e violano la proprietà di donne e persone, anche i nostri bambini di sette anni saranno armati contro di loro”, ha detto a Reuters.

Sarangi era uno delle centinaia di ex combattenti e civili “jihadisti” che si sentivano obbligati a prendere le armi per aiutare l’esercito a respingere la crescente insurrezione talebana.

Quando l’organizzazione ottenne un vantaggio locale, l’ultima forza internazionale guidata dagli Stati Uniti si preparava a partire dopo due decenni di combattimenti e nessuna delle due parti ottenne una netta vittoria.

“Dobbiamo proteggere il nostro paese… ora non c’è scelta perché le forze straniere ci hanno abbandonato”, ha detto Farid Mohamad, un giovane studente che si è unito al leader anti-talebano locale di Parwan.

Ha fatto il discorso di cui sopra quando l’esercito tedesco ha posto fine al suo ritiro dagli Stati Uniti, la seconda forza militare straniera più grande.Negli ultimi due decenni sono stati schierati circa 150.000 soldati, molti dei quali hanno prestato servizio nel paese più di una volta.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e la NATO hanno dichiarato a metà aprile che ritireranno circa 10.000 truppe straniere ancora in Afghanistan entro l’11 settembre, che è il 20° anniversario dell’attacco al World Trade Center di New York che ha dato il via alla missione.

L’inviato speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan ha dichiarato questa settimana che i talebani hanno occupato più di 50 delle 370 aree e sono pronti a controllare la capitale provinciale perché il paese appare sempre più instabile con la fine del sostegno militare straniero.

Salangi e Mohammed, equipaggiati principalmente con fucili d’assalto vecchio stile, pistole e lanciagranate, si unirono a negozianti e commercianti locali come parte di una libera forza di rivolta pubblica nel tentativo di riconquistare alcune di queste aree.

Ajmal Omar Shinwari, portavoce delle forze di sicurezza e difesa nazionali afgane, ha affermato che gli afgani desiderosi di impugnare le armi contro i talebani stanno assorbendo la struttura dell’esercito territoriale.

Ma alcuni analisti politici avvertono che man mano che sempre più gruppi prendono le armi, aumenta il rischio che ritorni una guerra civile.

Di fronte alla crescente violenza, il presidente Ashraf Ghani ha visitato Washington a giugno per incontrare Biden, il quale ha promesso agli Stati Uniti di sostenere l’Afghanistan, ma ha affermato che gli afgani devono decidere il proprio futuro.

Sebbene il capo della Commissione per la pace in Afghanistan abbia affermato che, nonostante l’aumento degli attacchi dei talebani, i negoziati per cercare una soluzione politica in Afghanistan sono in stallo.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *