L’impatto della pandemia sulla previdenza sociale e l’assicurazione sanitaria


Sicurezza sociale con assicurazione sanitaria È un programma federale che fornisce reddito e assicurazione sanitaria a persone idonee, principalmente anziani e disabili negli Stati Uniti. I beneficiari di entrambi i programmi sono stati gravemente colpiti dalla pandemia di COVID-19. Il risultato più devastante: al 15 maggio 2021, dei 574.045 decessi causati da COVID-19 negli Stati Uniti, quasi l’80% (458.645) erano persone di età pari o superiore a 65 anni.

Anche milioni di beneficiari di Social Security e Medicare che sono sopravvissuti all’ondata di COVID sono stati o saranno colpiti dalla pandemia su questi programmi. Questo articolo discute la sicurezza sociale e l’assicurazione medica dal punto di vista della pandemia di COVID-19 e delle sue conseguenze.

Come funziona la sicurezza sociale?

La previdenza sociale viene spesso definita come prestazioni pensionistiche “pay as you go”. Gli attuali lavoratori e i loro datori di lavoro pagano il piano attraverso le tasse sui salari.Il denaro entra Fondo fiduciario di previdenza sociale, Paga i benefici per l’attuale destinatario.

Inizialmente, l’importo investito dal lavoratore è maggiore dell’importo prelevato dal beneficiario. Questo non è più vero, perché il numero dei lavoratori è diminuito ed è aumentato il numero dei beneficiari. In definitiva, se non vengono prese misure, il saldo del Fondo fiduciario di previdenza sociale sarà pari a zero. Quando ciò accadrà, i beneficiari della sicurezza sociale riceveranno solo la loro quota attuale del contributo del lavoratore, che, secondo gli esperti, rappresenterà oggi il 77% dell’importo totale del sussidio.

Questi non sono correlati al COVID-19. Molto prima del COVID, il potenziale prelievo del saldo del Fondo fiduciario di previdenza sociale è stato “cotto in una torta”. Ciò non significa che il COVID-19 non abbia alcun impatto.

L’impatto del COVID-19 sul Fondo Fiduciario della Previdenza Sociale

Prima del COVID, gli esperti prevedevano che il Social Security Trust Fund avrebbe raggiunto lo zero nel 2035. Con l’avvento del COVID, a causa di alcune delle forze discusse di seguito, ipotizzando un calo dell’imposta sui salari del 20% in due anni, tale data è stata posticipata al 2033, come previsto.

A causa di diversi motivi legati al COVID, l’imposta sui salari dovrebbe diminuire almeno temporaneamente:

  • La chiusura delle attività porta a un aumento della disoccupazione
  • Salari ridotti a causa delle restrizioni sull’orario di lavoro
  • Rinviare la trattenuta dell’imposta sui salari per ridurre l’onere su lavoratori e imprese
  • Più lavoratori si iscrivono ai sussidi a causa della disoccupazione
  • Tasso di mortalità più elevato (anche se un minor numero di destinatari può ridurre al minimo l’impatto)

L’impatto del COVID-19 sull’indice salariale medio nazionale

L’importo che ricevi in ​​prestazioni di sicurezza sociale dipende in parte da come viene chiamato Indice salariale medio nazionale (NAWI)NAWI tiene traccia della crescita dei salari per misurare l’inflazione. A causa del COVID, l’indice salariale nel 2020 dovrebbe essere inferiore al normale.

Se compi 60 anni nel 2020, questo indice salariale più basso influirà sull’importo delle prestazioni di sicurezza sociale che ricevi.questo perchè Amministrazione della sicurezza sociale (SSA) Utilizza il tuo indice salariale per l’anno di 60 anni come parte della formula utilizzata per determinare l’importo del tuo sussidio a vita.

A settembre 2020, il Congressional Budget Office (CBO) ha previsto che NAWI nel 2020 sarà -3,8% rispetto al 2019. Di recente, CBO ha dichiarato di aspettarsi che NAWI si avvicinerà al -0,5% nel 2020. Ciò significa che per chiunque compia 60 anni nel 2020, i benefici saranno inferiori, ma non così bassi come inizialmente previsto.

L’impatto del COVID-19 sulle prestazioni di invalidità della sicurezza sociale

Gli attuari della previdenza sociale hanno previsto nel novembre 2020 che i sopravvissuti al COVID-19 potrebbero subire un impatto persistente, portando ad un aumento del numero di persone che richiedono le prestazioni di invalidità della previdenza sociale nel 2021, 2022 e 2023. Successivamente, l’applicazione dovrebbe tornare alla linea di base.

L’impatto della legislazione COVID-19 sulla sicurezza sociale

La legislazione COVID-19 colpisce i beneficiari della sicurezza sociale e della sicurezza sociale, compresi quelli in Reddito di sicurezza supplementare (SSI), In diversi modi.

  • Creato Pagamento dell’impatto economico (EIP) 1.200 USD (legge CARES), 600 USD (Legge sugli stanziamenti combinati del 2021) e 1.400 USD (Legge sui piani di salvataggio degli Stati Uniti del 2021)
  • Ridurre l’imposta FICA dovuta da alcuni datori di lavoro, ritardare il pagamento della FICA e garantire che il Fondo fiduciario di previdenza sociale non venga pregiudicato dal ritardo (legge CARES)
  • Sospendere la riscossione dei debiti per prestiti studenteschi dalle prestazioni di sicurezza sociale (legge CARES)
  • Fornire 300 milioni di dollari entro il 30 settembre 2021 per aiutare la SSA a prevenire, prepararsi e rispondere al coronavirus (legge CARES)
  • Proroga della data entro la quale i dipendenti devono rimborsare i propri obblighi di imposta sui salari (Legge di stanziamento globale 2021)
  • Espandi qualifica/quantità Credito d’imposta per bambini (CTC) con Credito d’imposta sul reddito (EITC) (U.S. Rescue Plan Act del 2021)
  • Non sono state apportate modifiche alle esclusioni legali di CTC ed EITC ai fini SSI (U.S. Rescue Plan Act del 2021)

L’impatto a lungo termine del COVID-19 sulla sicurezza sociale

L’attuario della previdenza sociale ha concluso il 17 marzo 2021 che l’impatto a lungo termine del COVID-19 sulla sicurezza sociale sarà “minore” e che l’eventuale recessione causata dalla pandemia sarà ripristinata prima del 2023, “quasi nessuna influenza permanente” .

Tuttavia, a breve termine, l’agenzia prevede che diversi risultati che influenzeranno la sicurezza sociale includono:

  • Diminuzione delle nascite nel 2020 e nel 2021
  • Tassi di mortalità superiori al normale nel 2020 (12%), 2021 (6%) e 2022 (2%)
  • Le domande di invalidità sono diminuite nel 2020, ma sono aumentate nel 2021 e nel 2022
  • L’occupazione è diminuita nel 2020, ma è stata completamente ripristinata entro il 2023
  • PIL, produttività e livelli di reddito si riducono permanentemente dell’1%

Come funziona l’assicurazione sanitaria

Medicare è un piano di assicurazione sanitaria federale per persone di età pari o superiore a 65 anni, disabili o con malattia renale allo stadio terminale (ESRD). Le fonti di finanziamento dell’assicurazione medica includono tasse sui salari, fondi governativi e premi assicurativi pagati dai partecipanti.È gestito da una filiale Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) è chiamato Centro per i servizi Medicare e Medicaid (CMS).

L’assicurazione medica è pagata attraverso due fondi fiduciari, Fondo fiduciario per l’assicurazione ospedaliera (HI) E Fondo Fiduciario di Assicurazione Medica Complementare (SMI). CIAO pagamento Assicurazione medica parte A (Ricoveri) e pagamento SMI Otobe (Medico) e Parte D (prescrizione).

Il fondo fiduciario HI, come il fondo fiduciario di previdenza sociale, è finanziato principalmente attraverso l’imposta sui salari. Proprio come la sicurezza sociale, il fondo fiduciario HI ha sofferto di una riduzione dei finanziamenti molto prima dell’emergere di COVID. Il fondo fiduciario HI dovrebbe esaurirsi nel 2026, quando non sarà in grado di coprire l’intero costo degli ospedali della parte A. Al contrario, la previsione attuale è che il fondo possa pagare solo il 90% dei benefici previsti. Vale la pena notare che la data prevista per il fallimento nel 2026 non riflette l’impatto del COVID-19.

Poiché la maggior parte dei finanziamenti per il Fondo fiduciario SMI proviene da premi assicurativi e fondi governativi, non andrà mai in bancarotta. Tuttavia, l’aumento dei costi dei premi e la dipendenza da maggiori finanziamenti pubblici continueranno a creare le proprie vulnerabilità per il fondo.

L’impatto di COVID-19 sul Fondo fiduciario di Medicare

A causa del modo in cui si verificano i fondi, i fondi fiduciari Medicare HI sono più colpiti finanziariamente dal COVID rispetto ai fondi fiduciari SMI. Come accennato in precedenza, per i fondi SMI, la maggior parte dei costi ricadono sui beneficiari.

Il rapporto del fiduciario di Medicare 2020 afferma: “Date le incertezze associate a questi impatti (COVID-19), il fiduciario ritiene che le stime non possano essere corrette con precisione in questo momento”.

Il CBO stima che durante la pandemia circa 2 milioni di beneficiari dell’assicurazione medica siano stati ricoverati in ospedale a causa del COVID, e si presume che circa 1 milione di loro saranno beneficiari dell’assicurazione medica tradizionale degli ospedali pagati nell’ambito del sistema di pagamento dell’aspettativa di ospedalizzazione dell’assicurazione medica . Secondo le stime di CBO, ciò aumenterà le spese di assicurazione medica nell’anno fiscale 2020 e nell’anno fiscale 2021 di circa $ 3 miliardi.

Il fondo fiduciario SMI non fallirà a causa del suo metodo di finanziamento. Tuttavia, il rapporto del CRS ha sottolineato che quando l’assistenza passa dal ricovero (Parte A) all’ambulatorio (Parte B e Parte D), gran parte della spesa per l’assicurazione medica è coperta dai premi dei beneficiari e dai fondi governativi. Il fiduciario dell’assicurazione medica stima che la parte dell’imposta sul reddito personale e aziendale richiesta per finanziare SMI “aumenterà da circa il 15,8% nel 2020 a circa il 22,1% nel 2030 e il 30,1% nel 2094”.

L’impatto del COVID-19 sui beneficiari dell’assicurazione sanitaria

I beneficiari di assicurazioni mediche sono particolarmente vulnerabili al COVID-19. Oltre alla potenziale morte o disabilità a lungo termine, la pandemia ha portato molte conseguenze negative per i beneficiari.

Un sondaggio CMS ha rilevato: alcuni

  • Il 21% delle persone ha rinunciato alle cure non COVID-19 durante la pandemia.
  • Il 15% delle persone ha affermato di ritenere che la propria sicurezza finanziaria stia diminuendo.
  • Il 41% delle persone ha riferito di avere problemi di stress.
  • Il 38% ha dichiarato di avere meno contatti con la famiglia e gli amici.

Per i beneficiari di Medicare che ricevono assistenza domiciliare, gli effetti del COVID-19 includono: alcuni

  • La domanda di sostegno ai servizi sociali è aumentata.
  • La solitudine e la depressione sono aumentate.
  • Deterioramento della salute fisica e mentale.
  • Aumento dell’uso e dell’abuso di sostanze.
  • Le prove di violenza domestica sono aumentate.
  • Il personale e le attrezzature sono limitati.

In termini di effetti positivi dell’equazione: alcuni

  • Il vaccino COVID-19 è fornito gratuitamente ai beneficiari di Medicare.
  • Sono previsti esami di laboratorio gratuiti.
  • Fornire test e trattamento anticorpali gratuiti.
  • Fornire servizi di telemedicina estesi gratuitamente.
  • Compreso il ricovero medico necessario.

L’impatto del COVID-19 sui fornitori di assicurazioni sanitarie

I fornitori, compresi medici e ospedali, sono stati colpiti dalla pandemia quasi dall’inizio. Ad esempio, nei primi sei mesi della pandemia:

  • I pagamenti per tutte le richieste di risarcimento per servizio (FFS) sono diminuiti del 39%, i servizi ospedalieri sono diminuiti del 33% e i servizi medici sono diminuiti del 49%.
  • A partire dalla settimana del 1 luglio, il pagamento settimanale è salito al 96% del livello del 2019, al 93% per i servizi ospedalieri e al 95% per i servizi medici.
  • Alla fine di giugno 2020, il disavanzo cumulato dei pagamenti relativo al 2019 è compreso tra il 12% e il 16%.
  • A marzo e aprile, l’uso di screening preventivo personale e servizi chirurgici è diminuito in modo significativo.
  • Vi sono notevoli differenze regionali nell’entità del calo dell’utilizzo e nel tasso di recupero.

L’impatto della legislazione COVID-19 sull’assicurazione sanitaria

L’impatto della legislazione COVID-19 sui piani di assicurazione medica si riflette nell’enorme numero di modifiche normative relative all’assicurazione medica emanate dalla legislazione. Considerando che tra il 1 gennaio e il 24 luglio 2020 sono state apportate oltre 200 modifiche normative relative all’assicurazione medica. Tra il 25 luglio 2020 e l’8 gennaio 2021 sono state aggiunte 49 nuove modifiche.

I driver di questi cambiamenti normativi, in particolare la legislazione COVID-19, includono le seguenti azioni:

  • Ampliamento della copertura assicurativa medica per i servizi di telemedicina (legge CARES)
  • Condivisione dei costi dell’assicurazione medica per l’eliminazione del vaccino COVID (legge CARES)
  • Aumentare il tasso di pagamento di alcune assicurazioni mediche ai fornitori (legge CARES)
  • Esenzione da alcuni requisiti di durata del soggiorno (legge CARES)
  • Aumentare ulteriormente il tasso di pagamento dell’assicurazione medica (CAA) per i medici
  • Annulla la riduzione della quarantena di Medicare (CAA) entro marzo 2021

L’impatto a lungo termine del COVID-19 sull’assicurazione sanitaria

Il sistema Medicare fornisce un’assicurazione medica per le persone di età pari o superiore a 65 anni e per le persone con disabilità sotto i 65 anni. Quando si tratta di COVID-19, queste popolazioni sono le più vulnerabili. Oltre ai problemi di salute, in futuro queste persone dovranno affrontare anche vulnerabilità economiche.

Prima del COVID-19, molti beneficiari di Medicare con reddito limitato e malattie preesistenti affrontavano difficoltà finanziarie e pagavano spese mediche elevate. Sebbene le modifiche normative contribuiranno a ridurre l’onere finanziario a breve termine, molte di queste modifiche verranno invalidate o annullate una volta terminata la crisi sanitaria.

La mancanza di occupazione dopo la pandemia può portare al pensionamento anticipato, che non farà altro che aumentare l’onere finanziario dei beneficiari dell’assicurazione sanitaria. Per i membri più anziani delle minoranze etniche il problema è ancora più grave: il loro reddito durante il lavoro è diminuito in modo sproporzionato, i loro contributi previdenziali sono inferiori e anche i risparmi per la pensione sono inferiori.

Sebbene si preveda che il sistema di sicurezza sociale debba affrontare alcune sfide a breve termine, per i beneficiari dell’assicurazione medica, l’onere finanziario sarà ancora un problema in futuro.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *