L’indice S&P 500 è sceso a causa della pressione sulle istituzioni sanitarie; l’indice Dow Jones ha chiuso in rialzo


© Reuters. Immagine del file: il 4 maggio 2021, un cartello di Wall Street è stato visto vicino alla Borsa di New York (NYSE) a New York City, USA.REUTERS / Brendan McDermid / File immagine

Lewis Krauskopf, Shashank Nayar e Medha Singh

(Reuters) -Il mercato azionario è sceso martedì poiché i guadagni energetici e finanziari hanno compensato il calo dei titoli sanitari e tecnologici mentre gli investitori hanno soppesato i segnali di rimbalzo e inflazione negli ultimi dati economici statunitensi.

Il settore finanziario dell’S & P 500 ha raggiunto un livello record e il previsto aumento della domanda di carburante ha spinto i prezzi del petrolio e ha aiutato il settore energetico a salire del 3,9%, il più grande aumento di un giorno negli ultimi quattro mesi.I titoli tecnologici dei pesi massimi sono diminuiti, mentre il settore sanitario è stato trascinato al ribasso dalle deboli previsioni sugli utili Abbott Laboratories (Borsa Valori di New York:).

I dati mostrano che l’attività manifatturiera statunitense è rimbalzata a maggio a causa della domanda repressa nella riapertura dell’economia e dell’aumento degli ordini. Tuttavia, a causa della carenza di materie prime e manodopera, i lavori incompiuti si accumulavano.

Peter Toots, presidente di Chase Investment Consultants a Charlottesville, Virginia, ha dichiarato: “La gente torna da un fine settimana di vacanza con la ferma convinzione che l’economia si stia riprendendo e che qualsiasi inflazione che vediamo nel lavoro e in altri costi sia temporanea”.

È aumentato di 45,86 punti o dello 0,13% a 34.575,31; l’indice S&P 500 è sceso di 2,07 punti o dello 0,05% a 4.202,04; è sceso di 12,26 punti o dello 0,09% a 13.736,48.

Con il forte aumento dei settori finanziario ed energetico, le azioni a bassa capitalizzazione sono aumentate dell’1,1% martedì, evidenziando la forza del mercato azionario, che dovrebbe funzionare particolarmente bene in un’economia in crescita.

Dopo essere cresciuto per quattro mesi consecutivi, l’indice S&P 500 è ancora inferiore all’1% del suo massimo storico, ma gli investitori sono preoccupati se l’aumento dell’inflazione colpirà i prezzi delle azioni.

Christina Hooper, capo stratega del mercato globale presso Invesco New York, ha dichiarato: “Abbiamo problemi di supply chain, ritardi, aumenti dei prezzi e pressioni sui prezzi complessivi. Lasciamo che i datori di lavoro affermino che è difficile per loro trovare manodopera”.

“Quindi questo è un microcosmo di ciò che abbiamo sentito e visto nell’economia in generale. Questo è solo un promemoria del fatto che l’inflazione è ancora un problema preoccupante”.

I funzionari della Federal Reserve (Fed) hanno assicurato che la banca centrale manterrà una politica monetaria estremamente espansiva e venerdì il mercato azionario ha rinunciato all’impennata dei principali dati sull’inflazione di aprile.

Martedì il presidente della Federal Reserve Bank di Minneapolis Neel Kashkari (Neel Kashkari) e il vicepresidente della Federal Reserve Randal Quarles (Randal Quarles) hanno ribadito che gli alti prezzi del petrolio saranno temporanei.

L’attenzione di questa settimana si concentrerà su una grande quantità di dati economici e i dati sull’occupazione negli Stati Uniti, che alla fine scadranno venerdì, raggiungeranno il picco.

Le azioni di Abbott Labs sono diminuite del 9,3% dopo che la società ha abbassato le previsioni sugli utili per l’intero anno per il 2021 sulla base del fatto che, poiché sempre più americani vengono vaccinati, le entrate derivanti dai test COVID-19 diminuiranno drasticamente. Anche le scorte di altri produttori di test sono diminuite.

Le azioni di Cloudera (NYSE :) Inc sono aumentate del 23,9% dopo che le società di private equity KKR & Co (CSE) e Clayton Dubilier & Rice LLC hanno accettato di privatizzare la società di analisi dei dati.

Un gruppo di “azioni meme” ha continuato i guadagni della settimana precedente. Le azioni di AMC Entertainment (NYSE :) Holdings Inc sono aumentate del 22,7% dopo che la catena di cinema ha dichiarato di aver venduto 230 milioni di dollari in azioni.

Il rapporto tra il numero di azioni in aumento e il numero di azioni in calo sulla Borsa di New York è 2,54: 1. Nel Nasdaq, la priorità è sviluppare le scorte con un rapporto di 1,79: 1.

L’indice S&P 500 ha raggiunto un massimo di 73 settimane e un massimo di 52 settimane senza un nuovo minimo. Il Nasdaq Composite Index ha raggiunto 168 nuovi massimi e 25 nuovi minimi.

Circa 10,7 miliardi di azioni sono passate di mano sulle borse statunitensi e il volume medio di scambi giornalieri negli ultimi 20 giorni di negoziazione è stato di 10,5 miliardi di azioni.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *