L’inflazione della zona euro supera l’obiettivo della BCE per la prima volta dal 2018


Il tasso di inflazione della zona euro è salito al 2% a maggio, superando l’obiettivo della Banca centrale europea per la prima volta in più di due anni, il che complica i decisori della prossima settimana sull’opportunità di mantenere la loro politica monetaria estremamente espansiva.

La crescita dei prezzi al consumo negli Stati Uniti ha subito un’ulteriore accelerazione ad aprile, passando dall’1,6% ad aprile. L’apprezzamento della zona euro potrebbe esacerbare le preoccupazioni degli investitori che la banca centrale minimizzerà le enormi misure di stimolo monetario introdotte lo scorso anno in risposta alla pandemia di coronavirus.

Il Consiglio della Banca centrale europea si riunirà la prossima settimana per decidere se adeguare la propria politica monetaria, compresa la recente accelerazione degli acquisti di obbligazioni, in risposta ai segnali di aumento dell’attività economica e dei prezzi a causa dell’allentamento delle misure di lock-in del Covid-19 .

Il tasso di inflazione dell’Eurozona è rimbalzato dopo essere sceso al di sotto del livello zero dello scorso anno negli ultimi mesi, spingendo la maggior parte degli economisti a prevedere che quest’anno supererà l’obiettivo della Banca Centrale Europea di chiudere ma al di sotto del 2%.

Tuttavia, diversi responsabili politici della Banca centrale europea, compreso il presidente della Banca centrale europea Christine LagardeZeng ha affermato che il recente aumento dell’inflazione è solo un fenomeno temporaneo, guidato da un effetto una tantum, e si prevede che diminuirà il prossimo anno. Credono che questo significhi che la politica della banca centrale dovrebbe rimanere molto accomodante.

L’aumento del 13,1% su base annua dei prezzi dell’energia nell’Eurozona è stato il fattore principale che ha spinto l’indice di coordinamento dei prezzi al consumo della zona a moneta unica di 19 paesi leggermente superiore alle previsioni al livello più alto dall’ottobre 2018. Eurostat.

Il tasso di inflazione core (escludendo i prezzi più volatili di energia, cibo, alcol e tabacco) è aumentato moderatamente rispetto al dato complessivo, passando dallo 0,7% di aprile allo 0,9% di maggio. A causa del blocco causato dal coronavirus, il prezzo dei servizi del gruppo è aumentato dell’1,1%.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *