L’inflazione dell’Eurozona scende dai massimi degli ultimi due anni


A causa della crescita più lenta dei prezzi dell’energia e dei servizi, l’inflazione nell’Eurozona è scesa per la prima volta in nove mesi, anche se gli economisti si aspettano che l’inflazione acceleri nuovamente nei prossimi mesi.

Secondo i dati Eurostat, l’indice di armonizzazione dei prezzi al consumo dell’Eurozona è aumentato a un tasso annuo dell’1,9% a giugno, inferiore al massimo biennale del 2% a giugno.

L’inflazione di fondo, escludendo i prezzi volatili di energia, cibo, alcol e tabacco, è scesa dall’1% allo 0,9%. I prezzi dei prodotti industriali non energetici sono aumentati rapidamente, ma sono stati compensati dal calo dei servizi e dall’inflazione energetica.

La maggior parte degli economisti prevede che l’inflazione dell’Eurozona riprenderà la sua tendenza al rialzo nella seconda metà di quest’anno, rendendola superiore all’obiettivo della Banca centrale europea di poco meno del 2% e accendendo il dibattito su quanto tempo dovrebbe durare la sua politica monetaria ultra-allentata.

Tuttavia, la Banca centrale europea prevede che il prossimo anno il tasso di inflazione scenderà al di sotto del livello target, raggiungendo solo l’1,4% nel 2023. Sebbene alcuni economisti pensino che si tratti di una sottovalutazione, sospettano che i prezzi possano continuare a salire a causa della debolezza del mercato del lavoro nell’Eurozona.

Il tasso di disoccupazione ha recentemente iniziato a diminuire, ma il numero di disoccupati nell’UE è ancora di 1,9 milioni superiore al livello pre-pandemia di 15,4 milioni.Banca centrale europea stima Un numero simile di persone è stato licenziato o completamente ritirato dal mercato del lavoro.

Il macroeconomista di Capital Economics Andrew Kenningham ha dichiarato: “Sospettiamo che entro la fine di quest’anno, il tasso di inflazione complessiva salirà al di sopra del 2,5%, ma tornerà solo all’1% circa entro il 2022 e nel medio termine”.

inflazione Dopo la rimozione delle restrizioni pandemiche e il ritmo accelerato della vaccinazione, il virus è rimbalzato in molti paesi, il che ha aumentato gli ordini commerciali e la spesa dei consumatori. Ciò ha spinto alcuni economisti a chiedere alla banca centrale di iniziare a controllare le politiche di stimolo.

Poiché la Germania ha implementato un taglio temporaneo dell’IVA di sei mesi nel luglio 2020, l’inflazione della zona euro riceverà una spinta tecnica entro la fine dell’anno.

Ci sono anche i segni carenza L’impennata dei prezzi di materiali come semiconduttori e acciaio, così come i prezzi delle materie prime sfuse, hanno iniziato a guidare i prezzi per i produttori globali.Il prezzo della merce in partenza Fabbrica cinese È aumentato del 9% su base annua a maggio, il tasso di crescita più rapido dalla crisi finanziaria del 2008.

La Commissione europea ha dichiarato martedì che il suo ultimo sondaggio sulle società dell’UE ha mostrato che i prezzi di vendita dovrebbero aumentare per il quarto mese consecutivo e che i prezzi di vendita per le società al dettaglio e industriali dovrebbero salire a livelli record.

All’inizio di questa settimana, il governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, ha dichiarato che avvertimento I “rischi al rialzo” per le prospettive di inflazione sono “primari”.

Tuttavia, la maggior parte degli economisti ritiene che il picco di inflazione di quest’anno sarà temporaneo.

Gli economisti di IHS Markit Ken Wattret e Venla Sipila-Rosen hanno scritto in un rapporto questa settimana: “Il recente aumento dell’inflazione nell’Europa occidentale è principalmente guidato dai prezzi dell’energia e l’output gap è ancora ampio. Inflazione dal lato della domanda Non c’è molta pressione .”



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *