L’Irlanda ha raggiunto un consenso sul trasferimento dell’imposta sulle società del 12,5% dopo l’accordo globale del G7


Il secondo partito di opposizione irlandese sostiene un “leggero aumento” dell’aliquota dell’imposta sulle società del paese, il che dimostra che il consenso politico di lunga data di Dublino sulle società multinazionali sta crollando perché il G7 ha accettato un piano Riforma fiscale globale.

Nel corso degli anni, l’aliquota fiscale complessiva dell’Irlanda del 12,5% è stata la chiave del suo successo nell’attrarre società multinazionali. Ma dopo che il grande gruppo di paesi del G7 ha approvato una tassa minima globale del 15% questo fine settimana, Dublino si trova ora ad affrontare grandi sfide.

Il portavoce delle finanze del partito laburista irlandese, Gerd Nash, ha dichiarato al Financial Times di aver chiesto un “dialogo nazionale” sulla crescita potenziale.

“Leggermente in su [in Ireland’s corporate tax rate] Credo che possiamo sopportarlo”, ha detto Nash. Ha aggiunto che anche se “non siamo nemmeno vicini a questo” perché l’OCSE non ha ancora raggiunto un accordo su un accordo globale, “la prima cosa che dobbiamo fare è iniziare in L’Irlanda ha raggiunto un consenso politico”.

Nash ha detto che solleverà questo problema con il ministro delle finanze irlandese Donohue in Parlamento la prossima settimana.

“Il ministro deve consigliare il Parlamento sulle opzioni dell’Irlanda”, ha detto Nash. Ha aggiunto che dovrebbero essere fornite informazioni sufficienti all’opposizione per valutare i pro e i contro dell’innalzamento dell’aliquota dell’imposta sulle società irlandese al livello più basso del mondo o per difendere la tassazione esistente che tutti i partiti politici hanno a lungo sostenuto.

Secondo il piano in discussione, se si raggiunge un accordo globale su un’aliquota fiscale superiore all’attuale imposta irlandese e Dublino sceglie di non attuarlo, altri paesi possono recuperare l’imposta residua. Alcuni osservatori avvertono che questo è politicamente spiacevole in Irlanda.

L’Irlanda preleva quasi 12 miliardi di euro di imposte sulle società ogni anno e il gettito fiscale totale è di circa 57 miliardi di euro.in un rapporto Il mese scorso il Dublin Institute of Economic and Social Research ha avvertito che aliquote fiscali più elevate potrebbero danneggiare le piccole e medie imprese irlandesi, che impiegano circa i due terzi dei lavoratori del paese.

“L’aliquota fiscale del 12,5% è quasi diventata il credo della politica irlandese”, ha affermato Gary Murphy, preside del College of Law and Government della Dublin Metropolitan University. Ha detto che anche il più grande partito di opposizione e il partito di estrema sinistra Sinn Fein sono cauti nel sollevare questo problema.

Ma martedì, il portavoce finanziario dello Sinn Fein Pearse Doherty ha dichiarato al Financial Times che sebbene “non sostenga” l’aumento dell’aliquota fiscale irlandese, ha chiesto al Ministero delle finanze di analizzare in dettaglio se questo è “favorevole” per l’Irlanda e si applica solo 15 per le multinazionali % Aliquota fiscale e se questa misura è fattibile.

Spera anche di vedere una simulazione di aumentare l’aliquota dell’imposta sulle società “complessivamente” e mantenerla al 12,5%, ha affermato: “Dobbiamo studiarlo a fondo. [international negotiation] aprire gli occhi. “

Dopo la riunione del G7 di sabato, Donohue ha detto ai giornalisti che continuerà a “difendere la concorrenza fiscale legale”.

Un funzionario del governo irlandese ha dichiarato al Financial Times che, sebbene Dublino speri di difendere l’aliquota fiscale del 12,5%, se gli Stati Uniti perseguiranno l’aliquota fiscale più bassa al mondo del 15%, l’Irlanda potrebbe essere “difficile resistere” all’aumento dell’aliquota fiscale.

Il ministero delle finanze irlandese stima che Dublino potrebbe perdere 2 miliardi di euro all’anno a causa delle riforme dell’imposta sulle società, sebbene Donohue abbia sottolineato sabato che i potenziali costi sono stati incorporati nelle previsioni economiche dell’Irlanda. Il dipartimento ha rifiutato di commentare, riferendosi solo alla dichiarazione del ministro.

I 139 paesi dell’OCSE di Parigi stanno continuando i negoziati, con l’obiettivo di raggiungere un accordo entro la fine dell’anno.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *