L’oligopolio più famoso d’America

Uno oligopolio Si riferisce a uno stato in cui il mercato è condiviso solo da poche aziende, con conseguente concorrenza limitata.L’oligopolio è simile al monopolio, ma in monopolio Solo una società o un gruppo possiede tutto o quasi tutto il mercato per un particolare tipo di prodotto o servizio.

Non esiste un limite massimo al numero di società oligopolistiche. Tuttavia, questo numero deve essere sufficientemente basso da consentire alle azioni di una società di influenzare in modo significativo altre società. Sebbene le società all’interno dell’oligopolio siano concorrenti, spesso cooperano direttamente o indirettamente tra loro per trarne vantaggio nel loro insieme. Questo di solito si traduce in prezzi più alti per i consumatori.

Punti chiave

  • L’oligopolio si riferisce a uno stato in cui il mercato è condiviso solo da poche aziende, con conseguente concorrenza limitata.
  • Dagli anni ’80, è diventato più comune che il settore sia dominato da due o tre società poiché gli accordi di fusione tra i principali attori hanno portato al consolidamento del settore.
  • Attualmente, alcuni degli oligopoli più famosi negli Stati Uniti esistono nei settori della produzione cinematografica e televisiva, della registrazione musicale, degli operatori wireless e delle compagnie aeree.
  • Per consumatori e cittadini, l’integrazione del potere privato di solito significa che sosterranno costi più elevati e, storicamente, gli sforzi dei consumatori hanno efficacemente impedito alcuni abusi di potere causati dall’integrazione dell’industria.
  • Le politiche del governo possono prevenire o incoraggiare comportamenti oligopolistici e le aziende in un’economia mista spesso cercano il sostegno del governo per limitare la concorrenza.

Esempi storici di oligopolio

Gli oligopoli storici includono produttori di acciaio, compagnie petrolifere, ferrovie, produttori di pneumatici, catene alimentari e operatori wireless.Le condizioni per l’esistenza di un oligopolio includono costi di ingresso elevati Spese in conto capitale, privilegi legali (licenze per l’uso dello spettro wireless o del suolo ferroviario) e piattaforme per ottenere valore attraverso più clienti (come i social media). In queste condizioni è maturato il boom ferroviario del XIX secolo.

Negli Stati Uniti tra la metà e la fine del 1800 fiorì la costruzione di ferrovie, compresa la creazione di una ferrovia transcontinentale che si estendeva dalla costa orientale alla California. La ferrovia è sia ad alta intensità di capitale che ad alta intensità di lavoro.In quanto utilità pubblica, le sue barriere all’ingresso e lo status legale sono elevate. Quattro delle cinque ferrovie transcontinentali sono state costruite grazie a concessioni di terra con l’aiuto del governo federale e milioni di acri di terreno pubblico sono stati ottenuti dal Congresso.

Ciò consente l’oligopolio, soprattutto quando si acquisiscono concorrenti più piccoli. Ad esempio, nel 1901, nove aziende produttrici di locomotive si fusero per formare l’American Locomotive Company (ALCO).

Il consolidamento del settore sta emergendo

Nel corso della storia, gli oligopoli sono esistiti in molti settori diversi, tra cui la produzione di acciaio, petrolio, ferrovie, produzione di pneumatici, catene alimentari e operatori wireless.

Attualmente, alcuni degli oligopoli più famosi negli Stati Uniti esistono nei settori della produzione cinematografica e televisiva, della registrazione musicale, degli operatori wireless e delle compagnie aeree.

Dagli anni ’80, è diventato più comune che il settore sia dominato da due o tre società. Gli accordi di fusione tra i principali attori hanno portato al consolidamento del settore.

Questo concentrazione Misura la quota di mercato delle più grandi aziende del settore e viene utilizzato per rilevare l’oligopolio. Non esiste un limite massimo preciso al numero di società oligopolistiche, ma il numero deve essere sufficientemente basso da consentire alle azioni di una società di avere un impatto significativo su altre società.

La questione economica e legale è che l’oligopolio dissuaderà i nuovi entranti, rallenterà l’innovazione e aumenterà i prezzi, il che danneggerà i consumatori.oligopolio Imposta prezzo, Che si tratti di un collettivo—in Cartello——O sotto la guida di una società invece di Prendi il prezzo Dal mercato. Pertanto, il margine di profitto è superiore a quello di un mercato più competitivo.

I gruppi mediatici dominano il cinema e la TV

La produzione cinematografica e televisiva negli Stati Uniti è dominata dai reparti di produzione cinematografica e televisiva di cinque gruppi di media: The Walt Disney Company, WarnerMedia, NBCUniversal, Sony e Viacom. Solo nel 2018, le entrate al botteghino della Disney hanno superato i 7 miliardi di dollari.

In precedenza, la 21st Century Fox era inclusa in questo elenco delle più grandi società di produzione cinematografica, ma nel marzo 2019 tutte le risorse multimediali della 21st Century Fox sono state acquisite dalla Disney per 71,3 miliardi di dollari. Questa acquisizione rende The Walt Disney Company la più grande azienda di media al mondo.

Gli operatori wireless rappresentano industrie altamente concentrate

Le quattro principali società di operatori wireless statunitensi, Sprint-Nextel, T-Mobile, Verizon e AT&T, hanno una quota di mercato totale di oltre il 98%. In questo settore altamente concentrato, alcune pratiche ostili ai consumatori sono diventate la norma, comprese le spese di risoluzione e le commissioni in eccesso subdole.

La maggior parte dei consumatori ha firmato un contratto con una di queste quattro società e questo oligopolio ha poche possibilità di ricorso.

Tre grandi case discografiche

Sebbene ci siano case discografiche di nicchia che si rivolgono a un pubblico e a stili musicali specifici, l’industria musicale è dominata da tre importanti case discografiche: Sony BMG, Universal Music Group e Warner Music Group. Prima che Universal Music Group acquisisse EMI nel 2012, EMI è stata inclusa in questo gruppo.

Quando Universal Music Group inizialmente espresse interesse per l’acquisizione di EMI Records per 1,9 miliardi di dollari nel 2012, i regolatori del settore incoraggiarono il governo a fermare la transazione, sostenendo che la fusione avrebbe causato la nuova superpotenza musicale a interrompere i prezzi e aumentare i costi per i consumatori. Sebbene si siano tenute udienze del Congresso e le autorità di regolamentazione statunitensi ed europee abbiano esaminato la questione, l’acquisizione è stata finalmente approvata.

Oligopolio delle compagnie aeree nazionali

Anche l’industria dell’aviazione statunitense può essere considerata un oligopolio: nel 2017, le quattro principali compagnie aeree nazionali – American Airlines, Delta Air Lines, Southwest Airlines e United Airlines – hanno trasportato circa l’80% dei passeggeri nazionali.

Prima del 1978, il trasporto aereo nazionale negli Stati Uniti era regolamentato dal Civil Aviation Board (CAB) come bene pubblico. Stabilirono orari, tariffe e approvarono nuove rotte. Con l’introduzione dell’Airline Deregulation Act nel 1978, progettato per aumentare la concorrenza nel settore delle compagnie aeree, oltre al numero di voli offerti, anche le tariffe sono diminuite.

Tuttavia, dopo l’ampio consolidamento del settore e la chiusura di molte piccole compagnie aeree, i prezzi dei voli aerei hanno iniziato a salire bruscamente e hanno continuato a salire nonostante il forte calo dei costi del carburante. Inoltre, a partire dal 2008, le compagnie aeree hanno iniziato ad addebitare i servizi precedentemente inclusi nei biglietti aerei.

La struttura del mercato esiste in un intervallo

La struttura del mercato, infatti, va considerata nell’intervallo che va dal puro monopolio alla concorrenza perfetta. Sebbene queste industrie mostrino un comportamento da oligopolio, i cambiamenti strutturali nei prossimi decenni possono facilmente sovvertire il potere esistente.

Per consumatori e cittadini, l’integrazione del potere privato di solito significa che sosterranno costi più elevati e, storicamente, gli sforzi dei consumatori hanno efficacemente impedito alcuni abusi di potere causati dall’integrazione dell’industria.

Domande frequenti

L’industria automobilistica è un oligopolio?

La produzione di automobili è un esempio di oligopolio. Il principale produttore di automobili negli Stati Uniti è Ford (F), General Motors e Stellattis (Chrysler attraverso una nuova iterazione della fusione). A livello globale, potrebbero essere rimaste solo una dozzina di importanti case automobilistiche, tra cui Toyota, Honda, Volkswagen Group e Renault-Nissan-Mitsubishi.

Cos’è un oligopolio omogeneo?

Un oligopolio omogeneo o indifferenziato coinvolge un piccolo gruppo di aziende che solitamente producono gli stessi prodotti in modo standardizzato. Ad esempio, tutte le compagnie petrolifere producono petrolio greggio e poi lo standardizzano attraverso un processo di raffinazione.

Cos’è l’oligopolio differenziato?

A differenza dell’oligopolio omogeneo, l’oligopolio differenziale coinvolge aziende che producono aziende vicine ma imperfette sostitutoAd esempio, tutte le case automobilistiche producono automobili, ma le auto di lusso non sono un sostituto perfetto per pickup robusti e durevoli.

Qual è la relazione tra il dilemma del prigioniero e l’oligopolio?

Questo Il dilemma del prigioniero è una scena Analisi strategica E la teoria dei giochi, in cui due attori che agiscono a proprio vantaggio non produrranno i migliori risultati. Per le società dell’oligopolio, il problema è che ogni società ha l’incentivo a indebolire altre società: se tutte le società dell’oligopolio concordano di limitare congiuntamente l’offerta e mantenere prezzi elevati, ciascuna società può separare altre società da altre società Conquistare molti affari in le tue mani. L’accordo ha indebolito gli altri. Il risultato è il risultato subottimale di tutte le società collegate.

Cos’è un oligopolio di Cournot?

Questo Modello oligarca di Cournot È un modello popolare per descrivere le condizioni Concorrenza imperfettaDescrive una struttura industriale in cui le aziende concorrenti che forniscono lo stesso prodotto competono tra loro nell’output che producono, indipendentemente e contemporaneamente. L’idea di un’azienda che reagisce ai prodotti che ritiene che i suoi concorrenti produrranno fa parte della teoria della concorrenza perfetta.

Linea di fondo

L’oligopolio esiste naturalmente, oppure può essere supportato dalle forze governative come mezzo per gestire meglio l’industria. A causa dell’oligopolio, i clienti possono sperimentare prezzi più alti e prodotti inferiori, ma non raggiungeranno il punto in cui passano il monopolio, perché c’è ancora concorrenza nell’oligopolio.La maggior parte delle industrie negli Stati Uniti sono oligopoli, creando significative Barriere all’ingresso Per chi vuole entrare nel mercato.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *