L’organizzazione benefica Covid di Modi è sotto esame per malfunzionamento del ventilatore


I reclami su centinaia di ventilatori acquistati con l’iconico fondo di recupero Covid-19 di Narendra Modi hanno sollevato preoccupazioni sulla trasparenza e la corruzione nel modo in cui l’ente benefico spende i suoi soldi.

PM Cares è stato istituito dal Primo Ministro dell’India nel marzo dello scorso anno ed è un ente pubblico di beneficenza progettato per “fornire soccorso alle vittime” durante i disastri. Modi guida il fondo nella sua veste ufficiale e tre membri del gabinetto che fungono da fiduciari.

Il fondo ha attirato più di Una donazione di 30 miliardi di rupie (423 milioni di dollari) da magnati come Mukesh Ambani e imprese statali indiane.

Durante la disastrosa seconda ondata dell’epidemia in India, le donazioni di persone di ogni ceto sociale, tra cui il Dalai Lama e il fondatore di Ethereum Vitalik Buterin, hanno continuato ad arrivare da casa e dall’estero. Ma i critici si lamentano che c’è poca trasparenza nel modo in cui PM Cares spende le sue donazioni.

Gli attivisti hanno anche messo in dubbio il motivo per cui PM Cares è stato anche istituito come un’altra struttura, il Fondo nazionale di soccorso del Primo Ministro, che già esiste e ha uno scopo simile.

Durante la pandemia in cui sono state infettate più di 28 milioni di persone, la controversia è cresciuta poiché il governo statale ha lavorato duramente per fornire assistenza sanitaria. Oltre 335.000 Essere ucciso.

Il governo indiano insiste sul fatto che PM Cares non è un’istituzione pubblica e quindi non ha bisogno di rivelare i suoi donatori o le spese in dettaglio.

Un portavoce del governo ha dichiarato mercoledì: “Il PM Cares è completamente trasparente. Le spese sostenute con PM Cares sono state inserite in modo trasparente. [the] Area pubblica. “

Il fondo non ha ancora annunciato i risultati dell’audit per l’anno fiscale conclusosi il 31 marzo 2021.

“Comprendiamo che, a meno che non ci sia apertura e controllo pubblico, i fondi spesso non raggiungono i loro obiettivi”, ha affermato Anjali Bhardwaj, un attivista anticorruzione con sede a Nuova Delhi. “Questo può portare ad appropriazione indebita, tirannia e corruzione”.

PM Cares usa Immagine di Modi E ha rilasciato un comunicato stampa sul sito web del governo indiano. Alcuni siti web del governo hanno una finestra pop-up che chiede ai visitatori di donare denaro.

Secondo il sito del PM Cares, il governo ha stanziato 20 miliardi di rupie per l’acquisto di 50.000 ventilatori “Made in India”, di cui 10 miliardi di rupie serviranno per acquistare lavoratori migranti che hanno perso il lavoro a causa del lockdown, e 1 miliardi di rupie saranno utilizzati per lo sviluppo del vaccino. Non ha fornito altri dettagli.

“Ci affidiamo alle informazioni che forniscono [PM Cares] Per noi non c’è davvero alcuna divulgazione”, ha affermato l’attivista per la trasparenza Saket Gokhale, che ha presentato una petizione alla Corte Suprema chiedendo la divulgazione delle spese del primo ministro Cares. Ha aggiunto che il fondo “non è trasparente, il che è un grosso problema . Bandiere rosse”.

Diversi stati controllati dall’opposizione si sono lamentati del fatto che i ventilatori acquistati con il denaro di PM Cares avevano problemi o non erano stati installati correttamente nell’ospedale e quindi non potevano essere utilizzati.

“Il flusso di ossigeno è instabile. L’esaminatore non funziona. Si è fermato improvvisamente”, ha detto il ministro della Sanità del Rajasthan Ragu Sharma. “Una così grande somma di denaro è stata spesa per l’acquisto di questi ventilatori, ma non possono essere utilizzati”.

Aggiornamento aziendale sul coronavirus

In che modo il coronavirus influenza il mercato, le imprese, la nostra vita quotidiana e i luoghi di lavoro? Tieniti aggiornato con la nostra newsletter sul coronavirus.

Registrati qui

Raj Bahadur, consigliere sanitario del governo provinciale del Punjab, ha dichiarato che 237 dei 320 ventilatori donati dal primo ministro Cares allo stato erano falliti.

“Il ventilatore non è buono come dovrebbe essere, e sono sicuro che ci sono alcuni difetti”, ha detto Bahadur.

New Delhi ha dichiarato che gli stati non hanno ancora installato tutti i ventilatori donati e che il governo centrale ha effettuato “un vigoroso follow-up” per aiutare a utilizzare macchine salvavita.

L’Alta Corte di Mumbai ha dichiarato la scorsa settimana che il guasto del ventilatore all’Aurangabad Government Hospital nel Maharashtra era “problema serio“.

I giudici hanno aggiunto: “Se il fondo PM Cares deve essere utilizzato per fornire ventilatori, allora dovrebbe essere un ventilatore degno di uso medico”.

Tuttavia, il governo ha presentato un affidavit negare Il ventilatore Aurangabad prodotto dal produttore Jyoti CNC è fornito tramite PM Cares.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *