L’UE e gli Stati Uniti porranno fine alle tariffe commerciali e chiederanno nuove ricerche sull’origine di COVID-19. La bozza del vertice è riportata da Reuters


© Reuters. Foto d’archivio: La bandiera dell’Unione europea sventola fuori dalla sede della Commissione europea a Bruxelles, in Belgio. Questa foto d’archivio è stata scattata il 28 ottobre 2015. REUTERS/Francois Lenoir/File Photo

Robin Amot

Bruxelles (Reuters)-I leader dell’UE e degli Stati Uniti si impegneranno a porre fine alla disputa commerciale transatlantica in un vertice a Bruxelles la prossima settimana e chiederanno nuove ricerche sull’origine del COVID-19. Bozza di comunicato.

La bozza di sette pagine vista da Reuters ha lo scopo di mostrare i risultati concreti della “nuova alba” acclamata dai leader dell’UE quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è succeduto a Donald Trump a gennaio.

La bozza sarà discussa mercoledì dagli ambasciatori dell’UE, promettendo di porre fine alla lunga disputa sui sussidi ai produttori di aeromobili entro l’11 luglio e di annullare le tariffe sull’acciaio imposte tre anni fa entro dicembre.

Sebbene i gruppi dell’industria siderurgica statunitense abbiano fatto pressioni per mantenere le tariffe di sicurezza nazionale “Articolo 232” imposte da Trump, la bozza affermava: “Ci impegniamo a lavorare per eliminare tutti i prelievi imposti sul nostro acciaio e alluminio da entrambe le parti entro il 1 dicembre 2021. . Controversie tariffarie aggiuntive/punitive.”

L’Unione Europea e gli Stati Uniti sono le nazioni commerciali più grandi del mondo, come la Cina, ma Trump sta cercando di mettere da parte l’Unione Europea.

Dopo aver raggiunto un accordo di libero scambio con l’Unione Europea, l’amministrazione Trump si è concentrata sulla riduzione del crescente deficit commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, Biden vede l’UE come un alleato nella promozione del libero scambio, nella lotta ai cambiamenti climatici e nella fine della pandemia di COVID-19.

La bozza affermava che al vertice di Bruxelles le due parti accetteranno di cooperare sulle politiche cinesi e chiederanno nuove ricerche sull’origine della pandemia di COVID-19 scoperta per la prima volta a Wuhan, in Cina.

La bozza diceva: “Chiediamo progressi nella ricerca indisturbata, trasparente, basata sull’evidenza… sull’origine del COVID-19”.

Due teorie popolari sono che il virus sia stato trasmesso dagli animali (possibilmente pipistrelli) all’uomo o sia fuggito da un laboratorio di virologia a Wuhan. I membri del team dell’OMS che hanno visitato la Cina quest’anno per indagare sull’origine di COVID-19 hanno affermato di non avere accesso a tutti i dati, il che ha intensificato il dibattito.

Se si raggiunge un accordo, la posizione comune sulla Cina promuoverà l’amministrazione Biden, che cerca amici per opporsi a Pechino, ma ha affermato che non costringerà nessun alleato a scegliere le parti.

Finora, l’UE ha cercato di mantenere un equilibrio strategico ed evitare di alienarsi la Cina o gli Stati Uniti.

Ma l’espansione militare della Cina, la sua pretesa di sovranità sulla maggior parte del Mar Cinese Meridionale e la massiccia detenzione di musulmani uiguri nella Cina nordoccidentale hanno cambiato il sentimento a Bruxelles.

La bozza diceva: “Intendiamo condurre una stretta consultazione e cooperazione su tutte le questioni nel quadro dei nostri rispettivi approcci multiformi simili alla Cina, compresi elementi come cooperazione, concorrenza e confronto sistemico”.

Si è inoltre impegnata ad aiutare almeno due terzi della popolazione mondiale a vaccinarsi contro il COVID-19 entro la fine del 2022.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *