L’università australiana scopre la censura e la sorveglianza cinesi


© Reuters. Foto del file: in questa illustrazione fotografica del 1 ottobre 2013, il mouse del computer è illuminato dalla proiezione della bandiera cinese. REUTERS/Tim Wimborne/File Photo

Scritto da Kirsty Needham

Sydney (Reuters)-Human Rights Watch ha affermato che un gran numero di studenti cinesi nelle università australiane ha creato un ambiente di autocensura, i docenti evitano di criticare Pechino e gli studenti cinesi rimangono in silenzio per paura di molestie.

L’organizzazione ha affermato in un rapporto pubblicato mercoledì che la polizia cinese ha interrogato alcuni genitori nella Cina continentale sulle attività degli studenti australiani e la polizia di Hong Kong ha interrogato uno studente di ritorno sulle attività democratiche.

L’organizzazione ha affermato che quando le università hanno adottato corsi online durante la pandemia di COVID-19, gli studenti cinesi si sono uniti alle lezioni dietro il sistema cinese di “firewall” di censura di Internet e l’autocensura è peggiorata.

L’autrice del rapporto, Sophie McNeill, ha dichiarato a Reuters che questa tendenza ha compromesso la libertà accademica di tutti gli studenti della classe.

“Esso erode la libertà accademica in Australia”, ha detto.

Ha detto che in un esempio, un corso online ha cancellato il riferimento alla sanguinosa repressione di Piazza Tiananmen nel 1989.

In risposta al rapporto, l’Università australiana, la più alta istituzione del dipartimento, ha dichiarato che l’università è impegnata nella libertà accademica.

L’amministratore delegato Catriona Jackson ha dichiarato in una dichiarazione: “Esorterei qualsiasi studente o membro di facoltà ad andare direttamente alla loro università se sono sotto intimidazione o intimidazione”.

L’ambasciata cinese a Canberra non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Prima della pandemia di COVID-19, il 40% degli studenti internazionali in Australia proveniva dalla Cina, che rappresentava il 10% di tutti gli studenti universitari. Quasi un terzo delle entrate dei dipartimenti universitari proviene dalle tasse degli studenti internazionali.

Human Rights Watch ha intervistato 24 studenti con opinioni “democratiche” che studiavano nelle università australiane, di cui 11 provenienti dalla Cina continentale e 13 da Hong Kong. Ha anche intervistato 22 accademici.

Le organizzazioni per i diritti umani hanno verificato tre casi in cui famiglie cinesi sono state avvertite dalla polizia per le attività di uno studente in Australia.

“Se protesti contro il PCC all’estero, troveranno qualcuno che ami per farti pagare. Anche se sei in Australia”, ha detto a Human Rights Watch uno studente che non è stato nominato nel rapporto, riferendosi al PCC.

Lo studente che ha affermato di aver pubblicato materiali “antigovernativi” su Twitter ha affermato che la polizia cinese ha emesso un avvertimento formale ai suoi genitori l’anno scorso.

Uno studente di Hong Kong ha denunciato la polizia australiana e, dopo aver parlato a una manifestazione per la democrazia, quattro uomini mascherati e parlanti mandarino sono comparsi fuori casa sua e lo hanno inseguito con dei bastoni. Dopo l’incidente, lo studente ha dormito in macchina e poi si è trasferito. Sta cercando asilo in Australia.

Il rapporto ha rilevato che le minacce da parte di compagni di classe cinesi patriottici sono più comuni, inclusa la divulgazione dei dettagli dell’indirizzo su Internet (chiamate ricerche sulla carne umana) e le minacce di denunciare le opinioni anticinesi degli studenti all’ambasciata.

Human Rights Watch ha dichiarato che più della metà degli studenti intimiditi non si è presentato all’università.

“Credono che le loro università siano più interessate a mantenere le relazioni con il governo cinese, piuttosto che alienare gli studenti che sostengono il Partito comunista cinese”, ha detto McNeill.

Secondo il rapporto, la metà degli studiosi intervistati da Human Rights Watch ha affermato di essersi autocensurata in classe.

McNeill ha dichiarato: “Il mondo accademico e il mondo accademico evitano di discutere della Cina in classe”.

Human Rights Watch ha dichiarato che spera che il governo australiano segnali ogni anno molestie e censure e spera che le università classifichino gli studenti che “segnalano” compagni di classe o personale come motivo di molestie e azioni disciplinari.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *