Macron avverte Johnson di mantenere la sua promessa all’Irlanda del Nord


Il presidente francese Emmanuel Macron ha avvertito Boris Johnson che, a meno che il leader britannico non creda di mantenere la promessa dell’accordo sulla Brexit dell’Irlanda del Nord, gli sforzi per ricostruire le relazioni tra Parigi e Londra falliranno.

Durante la colazione durante il vertice del G7 in Cornovaglia, Macron ha chiarito che spera che Johnson possa onorare l’accordo sulla Brexit raggiunto con l’Unione Europea nel dicembre dello scorso anno.

L’Unione europea ha minacciato che se Johnson avesse violato unilateralmente gli impegni di ispezione delle frontiere nell’accordo dell’Irlanda del Nord, che faceva parte del suo accordo sulla Brexit, avrebbe punito il Regno Unito, compresa l’imposizione di sanzioni commerciali.

Macron è considerato da Downing Street il leader più duro dell’UE su questo tema. Le discussioni tra i presidenti francesi e i primi ministri britannici ai vertici globali sono comuni e spesso accadono a casa.

Ma l’avvertimento di Macron sottolinea la serietà dell’UE nei confronti della crescente crisi in Irlanda del Nord.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha espresso profonda preoccupazione per il futuro del processo di pace.

Durante una colazione in inglese, una fonte all’Eliseo ha dichiarato che Macron aveva detto a Johnson che era pronto a ristabilire le relazioni con Londra e che Gran Bretagna e Francia avevano molti interessi comuni.

“Tuttavia, il presidente ha sottolineato con forza che questo nuovo impegno richiede alla Gran Bretagna di onorare i suoi impegni nei confronti degli europei e rispettare l’accordo sulla Brexit”, ha detto una fonte all’Eliseo.

L’accordo prevede che il Regno Unito ispezioni alcune merci trasportate tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord per impedire loro di attraversare la frontiera aperta per entrare nell’Irlanda membro dell’UE e di entrare nel mercato unico senza ispezione.

L’introduzione di confini commerciali efficaci all’interno del territorio britannico ha fatto arrabbiare i sindacalisti filo-britannici nell’Irlanda del Nord e ha aumentato le tensioni nella regione.

Ursula von der Leyen ha affermato in un tweet che l’accordo del Venerdì Santo e la pace sull’isola d’Irlanda sono di fondamentale importanza.

“Abbiamo negoziato un accordo per mantenerlo, ed è stato firmato e approvato dal Regno Unito e dall’Unione Europea”, ha detto. “Vogliamo stabilire le migliori relazioni possibili con il Regno Unito. Entrambe le parti devono attuare ciò che abbiamo concordato. L’UE è completamente allineata a questo riguardo”.

Johnson ha affermato che l’UE non ha compromesso il modo in cui viene applicato l’accordo e che ci sarà un conflitto sull’ispezione dei prodotti a base di carne congelata nel Mare d’Irlanda alla fine di questo mese.

L’UE vieta l’importazione di carne congelata, comprese salsicce e carne macinata. Il “periodo di grazia” che consente la vendita continua di prodotti a base di carne congelati del Regno Unito presso NI scadrà alla fine di giugno.

Johnson si riserva il diritto di ignorare unilateralmente il divieto.L’Unione Europea ha avvertito che secondo i termini dell’accordo commerciale e di cooperazione UE/Brexit, questa azione potrebbe innescare ritorsioni.

Il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic ha confermato la scorsa settimana che ciò potrebbe includere sanzioni commerciali, innescando preoccupazioni sulle guerre commerciali o, titoli dei tabloid, una “guerra delle salsicce”.

Sabato mattina Johnson ha anche avuto colloqui con il cancelliere tedesco Angela Merkel, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Commissione europea Ursula von der Lein.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *