Mario Draghi dà il tono per raffreddare le relazioni sino-europee


È stata l’acquisizione fallita di un’oscura azienda italiana con meno di 50 dipendenti quest’anno che illustra fino a che punto è crollato uno dei più grandi successi diplomatici della Cina in Europa.

Nel 2019, l’allora governo di coalizione populista italiano è diventato il primo membro del G7 a firmare l’iniziativa cinese “One Belt One Road”, che ha scioccato gli alleati americani ed europei di Roma. L’accordo è stato firmato durante la visita di Stato del presidente cinese Xi Jinping, spingendo l’Italia in prima linea nella lotta di Pechino per il potere e l’influenza globali.

Ma due anni dopo, il nuovo primo ministro italiano Mario Draghi ha firmato in silenzio un decreto che ha simbolicamente posto fine al corteggiamento cinese dell’Italia e frenato la testa di ponte di Pechino nell’Europa occidentale.

Sotto la tremenda pressione degli Stati Uniti, il precedente governo italiano ha iniziato a raffreddare i suoi investimenti in Cina. Anche così, la mossa di Draghi ha segnato un cambiamento decisivo nella politica estera italiana, che ha definito “fortemente europeista e atlantista, coerente con i pilastri storici dell’Italia”.

Preannuncia anche un ripensamento più ampio delle relazioni della Cina nell’UE, che ha recentemente portato al Parlamento europeo Blocca il suo accordo commerciale in sospeso E Pechino.

“Per far sembrare l’Italia coerente con gli Stati Uniti, a volte è necessario fare alcune piccole cose per dimostrarlo”, ha detto Michelle Geraci, esperta di questioni cinesi, che è il viceministro incaricato dello sviluppo economico e anche il ministro italiano “Belt and Road Initiative.” “Uno degli architetti. Raggiunto un accordo con Pechino.

Geraci ha aggiunto che questa è “una dichiarazione politica che siamo preoccupati per le acquisizioni predatorie e che siamo allineati con i nostri amici americani”. La partecipazione dell’Italia all’iniziativa cinese “One Belt, One Road” è ancora tecnicamente valida, ma è diventata priva di significato e non sono state effettuate transazioni importanti.

Le divergenze tra Cina e Italia sono iniziate nel dicembre dello scorso anno, due mesi prima che Draghi fosse nominato primo ministro. Parte della società statale cinese Shenzhen Investment Holdings ha raggiunto un accordo per acquisire il 70% di LPE, società privata con sede a Milano che produce apparecchiature per semiconduttori.

Ma a marzo, con il governo Draghi in carica, la decisione di approvare l’acquisizione è caduta di routine sulla scrivania di Giancarlo Giorgetti, nuovo ministro dello Sviluppo economico italiano.

Come membro anziano del Partito della Coalizione di Destra, Giorgetti ha proposto di invocare la cosiddetta legge italiana del potere d’oro per prevenire acquisizioni straniere.Segno di Draghi Legge che vieta la vendita di LPE Alla riunione di gabinetto del 31 marzo, LPE è entrata a far parte del “dipartimento strategico” a causa della carenza di semiconduttori.

LPE, che produce componenti utilizzati in applicazioni di elettronica di potenza, questi componenti sono utilizzati anche in ” [the] Il campo militare”, come descritto nel decreto, non ha voluto commentare. Shenzhen Vision Holdings ha detto una volta Continuerà a collaborare con LPE in alcune aree.

La decisione di Draghi è uno spartiacque in Italia, ei diplomatici italiani dicono che potrebbe essere uno spartiacque anche nell’Unione Europea.

Solo pochi anni fa, i politici italiani erano entusiasti di come i fondi cinesi avrebbero aiutato l’economia travagliata. Secondo i dati di Rhodium Group, l’Italia è stata il terzo maggiore beneficiario europeo degli investimenti cinesi dal 2000 al 2019, con un totale di 15,9 miliardi di euro, rispetto ai 50 miliardi di euro nel Regno Unito, ai 22,7 miliardi di euro in Germania e ai 14,4 miliardi di euro in Francia.

Secondo i dati del Copasir, il Comitato per la sicurezza nazionale del Parlamento italiano, al 2020 oltre 400 gruppi cinesi detengono anche azioni in 760 aziende italiane, che coinvolgono “industrie ad alto profitto o strategiche”.

Ma oggi, anche perché la pandemia ha reso vulnerabili molte aziende italiane, il governo Draghi ha assunto un atteggiamento meno indulgente nei confronti degli investimenti esteri strategici rispetto ai governi precedenti e non ha esitato a esercitare la regola d’oro per limitare questi investimenti.

Il mese scorso, con il sostegno dell’EU Recovery Fund da 205 miliardi di euro, Italia e Francia si sono coordinate per indebolire la vendita Il produttore italiano di camion Iveco entra a far parte del China FAW Group. Questa settimana, sebbene Roma abbia autorizzato con riserva il contratto di fornitura dell’infrastruttura 5G tra le due parti. Vodafone Italia e Huawei cinese, Viene fornito con rigorose condizioni di sicurezza.

“Il passaggio alla Cina appartiene al passato”, ha detto il membro della Lega Edoardo Rixi. “La tendenza politica di oggi è quasi inesistente”.

Non tutti sono d’accordo sul fatto che mantenere un rapporto sereno con Pechino sia nell’interesse dell’Italia o dell’Europa.

Questa settimana, l’ex primo ministro ha tenuto un discorso Romano Prodi dice: “Fino a qualche mese fa… la situazione [between China and the EU] Più facile, ma ora l’accordo è stato congelato. Prodi ha aggiunto che vista la tensione tra le due parti, “entrambe le parti devono cambiare atteggiamento”. .. È ufficialmente impossibile fare qualcosa adesso”.

Geraci temeva anche che la transizione del governo Draghi in Cina avrebbe avuto un impatto economico sulle aziende italiane a Pechino.

“Secondo i dati ufficiali, la dimensione del mercato delle merci italiane in Cina è di 13 miliardi di euro all’anno, ma di fatto, se si includono i prodotti made in Italy, e poi i prodotti acquistati dalla Cina attraverso paesi terzi, la dimensione del mercato è tre volte superiore a questa. numero. . Per noi questo è un mercato molto importante”.

Tuttavia, come riaggiustare la relazione è ancora una questione aperta.

Lia Quartapelle, membro della Commissione Affari Esteri del Parlamento italiano del Partito Democratico di centrosinistra, ha affermato che il precedente spostamento in Cina è stato un’aberrazione nella politica estera italiana e ha aperto una “spaccatura geostrategica” nel centro dell’Europa.

Tuttavia, ora, “i talenti di Draghi non solo ci consentono di rafforzare i valori occidentali, ma diventano anche il motore della ripresa nell’era post-pandemia”, ha aggiunto.

Inoltre, poiché le elezioni in Germania quest’anno e in Francia il prossimo anno vengono assorbite, Draghi è un importante partecipante europeo e il suo fermo atlantismo potrebbe influenzare la politica cinese dell’UE in generale.

L’ex ministro degli Esteri italiano Emma Bonino (Emma Bonino) ha dichiarato: “Il ruolo dell’Italia nel mantenere una direzione stabile diventerà presto più importante”.

“Certo, la politica per trattare con la Cina è ancora complicata, non possiamo fingere che questo Paese non esista”, ha aggiunto. “Possiamo commerciare con la Cina come facciamo con il resto del mondo, ma dobbiamo essere consapevoli delle differenze e delle differenze tra noi e loro”.

Rapporto supplementare di Liu Qianer Shenzhen



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *