Mentre i ritardi delle merci peggiorano, i fornitori statunitensi ed europei si stanno affannando per assicurarsi le merci natalizie Reuters


© Reuters. Foto del file: Bernie Thompson di Plugable Technologies detiene una docking station su Amazon.com dalla sua fabbrica a Redmond, Washington, USA, il 6 febbraio 2020. La foto è stata scattata il 6 febbraio 2020.REUTERS/Lindsey Wasson/File Photo

Autrice: Lisa Beltline e Jonathan Sol

Los Angeles/Londra (Reuters)-fornitore di Walmart (NYSE:), L’obiettivo. il gol (NYSE:), Amazon.com (NASDAQ:) e altri importanti rivenditori hanno dichiarato a Reuters che effettueranno ordini per le festività per prodotti fabbricati in Cina all’inizio di quest’anno perché l’arretrato di spedizione globale potrebbe far tornare molti acquirenti di regali alla stagione a mani vuote durante gli acquisti natalizi.

Reuters ha intervistato più di una dozzina di fornitori e rivenditori negli Stati Uniti e in Europa, dai giocattoli alle apparecchiature informatiche. Tutti si aspettano che a causa dei colli di bottiglia dei trasporti, tra cui la carenza globale di container e la recente chiusura del porto di Yantian nella Cina meridionale legato al COVID, per fornire servizi ai produttori vicino a Shenzhen, ci saranno diverse settimane di ritardo nell’inventario delle vacanze.

Il rischio per i rivenditori è che le merci siano esaurite in grandi quantità, proprio mentre gli acquirenti si preparano ad aprire i loro portafogli per acquistare giocattoli, vestiti e altri beni.​​​

Isaac Larian, CEO di MGA Entertainment Inc, con sede a Los Angeles, ha dichiarato: “Sarà un disastro.” La società vende LOL Surprise, Bratz e Little ad Amazon, Walmart e Target, Tikes e altri marchi di giocattoli.

La sua azienda ha riempito di giocattoli centinaia di container nel porto di Yantian. Se non riesce a ottenere abbastanza inventario per i suoi clienti al dettaglio, “questo influirà seriamente sulle vendite di Natale”, ha detto Larian.

Secondo i dati di S&P Global, il motivo dello stallo nelle spedizioni non è solo l’arretrato di Yantian: Yantian è considerato il primo porto marittimo di Amazon in Cina, rappresentando i tre mesi della società di e-commerce al 31 maggio. 32,4% delle spedizioni elaborate (New York Borsa:) Panjiva, la società di dati commerciali di Market Intelligence.

Sebbene il porto di Yantian sia stato riaperto il 24 giugno, la carenza di container limita ancora le attività su vasta scala, le navi da carico globali sono in overbooking, i container sono bloccati nella posizione sbagliata e il porto è congestionato.

I prodotti sono accatastati nelle officine delle fabbriche, nei parcheggi dei magazzini, nei porti marittimi e negli scali ferroviari: più minacce di backup che “shipageddon” durante le vacanze dell’anno scorso, quando molti articoli sono arrivati ​​dopo Natale.

Amazon e altri rivenditori non hanno risposto alle richieste di commento.

“Impossibile creare l’inventario”

Jason Miller, professore associato di gestione della catena di approvvigionamento presso la Elibrod School of Business della Michigan State University, ha affermato che i rivenditori di solito vendono i prodotti il ​​più rapidamente possibile.

“Le loro vendite sono così alte ora che non possono aumentare significativamente i loro livelli di inventario”, ha detto Miller.

Ha affermato che se questa feroce modifica continua, i rivenditori, esclusi gli operatori legati alle auto, dovranno aumentare l’inventario di circa 65,1 miliardi di dollari USA per raggiungere le stesse condizioni di vendita dell’inventario pre-festivo del 2019, ha affermato.

Andy Bond, CEO di Pepco Group, proprietario del discount britannico Poundland, ha dichiarato a Reuters separatamente: “Questa è sicuramente una sfida quotidiana e un mal di testa che dobbiamo affrontare”.

I venditori di abbigliamento stanno prendendo in considerazione le operazioni aeree come opzione, tra cui PVH Corp (NYSE:), che possiede i marchi Tommy Hilfiger e Calvin Klein.

Mac Harman, CEO di Balsam Hill, che vende alberi di Natale artificiali di fascia alta e altre decorazioni natalizie, ha affermato che l’inventario a tema natalizio “potrebbe apparire nel fine settimana del Ringraziamento, o forse no”. non essere disponibile Consegna in tempo prima dell’inizio dei saldi nel mese di luglio, anche prima di Natale.

Ha detto: “Ora siamo centinaia di container dietro dove dovremmo essere” e le scorte di prodotti sono state ridotte di almeno il 10%.

Michael Shah, amministratore delegato di Easy Equipment, con sede in Gran Bretagna, fornisce attrezzature per la ristorazione nel Regno Unito e, dopo aver combattuto con i container bloccati in Cina, sta cercando di consegnare la merce in anticipo.

“Abbiamo iniziato a ordinare più scorte perché sappiamo che da settembre a ottobre dobbiamo essere preparati”, ha detto Shah. “La vigilia di Natale, le transazioni dei ristoranti sono diventate impegnative e abbiamo dovuto ingoiare il rospo e cercare di accaparrarci l’inventario”.

Carly McGinnis, responsabile della produzione, delle vendite e della logistica di Exploding Kittens, vuole garantire che i principali rivenditori come Wal-Mart e Target non finiscano i giochi. La società con sede a Los Angeles realizzerà più giochi quest’anno e inizierà a spedirli a marzo, circa quattro mesi prima del 2020.

Ha anche dato a Walmart e Target la possibilità di importare alcuni dei loro ordini. Poiché questi due rivenditori sono uno dei maggiori importatori di merci containerizzate negli Stati Uniti, potrebbero avere la priorità nell’ottenere container e spazio di carico.

“Ho detto ai nostri investitori e al mio team interno che alcune cose saranno esaurite – ci saranno problemi. Non so quando o cosa sarà, ma accadrà sicuramente”, ha detto McGinnis.

Allo stesso tempo, Bernie Thompson ha affermato di aver rinunciato alle speranze di rifornire i dock per laptop e altre apparecchiature informatiche vendute tramite Amazon e altri rivenditori durante le vacanze. Questo perché alcuni dei suoi prodotti più venduti potrebbero richiedere più di 12 mesi per essere ottenuti e questi prodotti si basano su chip per computer difficili da trovare.

“Natale è troppo tardi”, ha affermato Thompson, il fondatore di Plugable Technologies, con sede a Washington.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *