Mentre l’economia migliora, la divergenza della Banca centrale europea nel ridurre gli acquisti di obbligazioni si approfondisce


I decisori della Banca centrale europea hanno lanciato un acceso dibattito il mese scorso sull’opportunità di rallentare il ritmo degli acquisti di debito di emergenza, indicando che questo argomento sarà al centro della scena nel prossimo incontro politico.

Secondo il verbale della riunione del Comitato direttivo della BCE del mese scorso, i “falchi” più conservatori della banca centrale hanno chiesto una riduzione della scala degli acquisti di attività in risposta a prospettive economiche più rosee e migliori condizioni di finanziamento. I sostenitori di una politica monetaria espansiva più “colomba” hanno resistito.

Il verbale dell’incontro ha riportato che è finalmente emerso un “ampio consenso” a sostegno del mantenimento dell’attuale livello di stimolo monetario fornito dal suo piano di acquisto di emergenza pandemico (PEPP) da 185 milioni di euro. Ciò rende probabile che la questione venga ridiscussa alla prossima riunione politica alla fine di questo mese, per poi prendere una decisione in una riunione di follow-up a settembre.

La Banca centrale europea ha accelerato il ritmo del PEPP a marzo per raggiungere gli 80 miliardi di euro al mese e rimangono solo più di 660 miliardi di euro di spesa; il PEPP continuerà almeno fino a marzo 2022.

“Date le migliori prospettive di crescita e inflazione e i rischi al rialzo associati, è… Il verbale della riunione affermava che al fine di fornire lo stesso grado di convenienza, gli acquisti di asset dovrebbero essere ridotti.

Alcuni membri del consiglio hanno espresso preoccupazione per i potenziali effetti collaterali del mantenimento degli acquisti di obbligazioni, “perché ciò potrebbe ostacolare i cambiamenti strutturali nel settore aziendale e la riallocazione delle risorse nel mercato del lavoro. Inoltre, le dinamiche dei prezzi immobiliari stanno accelerando”.

Il dibattito della Banca centrale europea si sta svolgendo anche in altre banche centrali, alcune delle quali hanno deciso di rallentare il ritmo degli acquisti di debito, come Canada e Australia.La Federal Reserve e altre istituzioni sono ancora discussione Quando finirà la loro stimolazione.

La Banca centrale europea ha annunciato questa settimana Nuova strategia, Ha promesso un obiettivo di inflazione leggermente più alto del 2%, che può essere temporaneamente superato per evitare di cadere in tassi di interesse ultra bassi.

L’economista della Deutsche Commerzbank Michael Schubert ha affermato che il disaccordo dei responsabili politici significa che “potrebbe essere difficile prendere decisioni fondamentali su come implementare il PEPP e altre misure di emergenza”.

Dopo l’incontro del mese scorso, Jens Weidmann, presidente della Bundesbank e membro del Consiglio della Banca centrale europea, ha pronunciato un discorso, Dire Gli acquisti di obbligazioni dovrebbero essere “gradualmente ridotti” e avvertiti dei “rischi al rialzo” dell’inflazione nella zona euro.

Tuttavia, la Banca centrale europea alla fine ha dichiarato che “la maggior parte dei membri ha espresso la volontà di unirsi all’ampio consenso alla base della proposta proposta dal capo economista della Banca centrale europea Philip Lane” per mantenere il ritmo dei suoi acquisti di obbligazioni. Ha affermato che le condizioni di finanziamento sono state “valutate come troppo fragili” e non potevano rallentare il ritmo degli acquisti di debito senza “rischiare un aumento disordinato dei rendimenti”.

Ha affermato che la ripresa è ancora “nelle sue fasi iniziali e manca di solidità” e ha aggiunto che alcuni membri del consiglio hanno espresso preoccupazione per il fatto che il rallentamento del ritmo degli acquisti di obbligazioni “avrebbe un impatto negativo sull’inflazione quando non si prevede che l’inflazione raggiunga l’obiettivo entro due anni. Determinato a esprimere dubbi”.

Un membro del consiglio ha persino suggerito di accelerare il ritmo degli acquisti di attività “in considerazione della continua inflazione insufficiente prevista nelle previsioni del personale di giugno”.

Il mese scorso, la Banca centrale europea ha previsto che l’inflazione scenderà dall’1,9% quest’anno all’1,4% nel 2023.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *