Ministro Passera: “Abbiamo aumentato l’Iva per far quadrare i conti”

Nei giorni scorsi si è tenuto il Forum della Confcommercio: fra le personalità intervenute al forum, c’era anche il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. Parte del suo intervento è stata ovviamente dedicata alla delicata situazione economica del Paese: Passera ha voluto spiegare le mosse del Governo Monti, che probabilmente avranno fatto storcere il naso a molti italiani, ma erano mosse assolutamente dovute, come confermato dallo stesso ministro Passera. “Si è dovuta mettere l’Iva da un certo punto per far quadrare i conti. L’impegno per evitare che succeda, anche se è quasi automatico se non troviamo altre fonti, riguarda tutti. È chiaro che si trovassero altre fonti strutturali per evitare questo sarebbe meglio per tutti” spiega il ministro dello Sviluppo Economico, che poi si è concentrato su altri due argomenti molto importanti: la spesa e l’evasione fiscale. “Nei primi quattro mesi abbiamo preso iniziative strutturali, su riforma lavoro e produttività; oggi dobbiamo impegnarci sui capitoli della crescita, spending review e recupero dell’evasione perché da lì possono arrivare risorse. L’impegno è quello di evitare di usare la clausola Iva”. La chiusura è dedicata ad un altro tema economico molto presente: lo spread, il differenziale fra i titoli di stato italiani e tedeschi. “Abbassare lo spread attraverso la ricostruzione di credibilità del Paese a regime vale quasi 40 mld nelle tasche dello Stato e delle imprese. Ecco perchè la nostra attenzione deve essere altissima” conclude il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera.

Pietro Gugliotta

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *