Neoliberismo o marxismo?Ad ogni modo, il Perù polarizzato affronta un futuro turbolento Reuters


3/3

© Reuters. Foto del file: il 9 maggio 2020, in un cimitero di Lima, in Perù, il personale delle pompe funebri trasportava una bara contenente il corpo di una persona morta a causa della malattia di coronavirus (COVID-19). REUTERS/Sebastian Castaneda

2/3

Marco Aquino

Lima (Reuters)-Il Perù ha vissuto un anno turbolento. Dalla fine del 2020, questo paese andino ha avuto tre presidenti, ha il più alto numero di decessi pro capite per COVID-19 al mondo e ha subito il peggior crollo economico degli ultimi 30 anni.

Ora, gli elettori di questo paese ricco di rame hanno l’opportunità di stabilire un nuovo corso nelle elezioni di domenica: l’inaspettato candidato socialista Pedro Castillo e il discendente del libero mercato di una potente dinastia politica Fujimori La polarizzazione tra Keiko Fujimori.

Gli analisti dicono che non importa chi vince, il paese sudamericano intraprenderà un percorso turbolento e incerto.

Gli elettori dei due candidati sono quasi equamente divisi e hanno opinioni molto diverse sul candidato numero uno al mondo. 2 Produttori e 33 milioni di persone.

Il Partito socialista liberale del Perù di Castillo è sostenuto dalle aree rurali più povere e ha un piccolo vantaggio nei sondaggi, davanti al popolare conservatore neoliberista Fujimori nella capitale Lima. Il sondaggista ha detto che il voto era troppo vicino.

Nel voto del Congresso di aprile, circa una dozzina di partiti ha vinto seggi, il che significa che ci sarà una legislatura frammentata senza nessun partito che occuperà la maggioranza dei seggi.

L’analista politico Giovanna Peñaflor ha affermato che l’evidente disaccordo significa che il nuovo governo sarà vulnerabile a una maggiore volatilità, indipendentemente da chi vincerà.

“L’instabilità diventerà la norma nei prossimi anni perché le nostre istituzioni sono deboli e il governo mancherà di legittimità perché le cose sono così polarizzate”, ha affermato.

“In teoria, queste elezioni dovrebbero finire (instabilità) e portare una certa legittimità di riforma al governo, ma questo non accadrà e la lotta politica non si fermerà”.

In una settimana di novembre dello scorso anno, un presidente è stato messo sotto accusa dal Congresso e un altro presidente è stato costretto a dimettersi a causa delle feroci proteste dei giovani perché credevano si trattasse di un colpo di stato illegale, che ha portato alla morte degli ultimi due. Da allora, il Perù è stato governato dal presidente ad interim Francisco Sagasti. Questa incertezza mette a disagio il mercato un tempo stabile del Perù.

Nella marcia prima del voto di questa settimana, cartelli di protesta affermavano che Castillo avrebbe trasformato il Perù in un paese “comunista o Chavez”, un riferimento all’ex presidente di sinistra Hugo Chavez del Venezuela. Castillo ha rifiutato di confrontare.

Altri hanno criticato le accuse di corruzione che Fujimori ha negato e l’hanno criticata come un “dittatore”, collegandola alla presidenza divisa di suo padre Alberto Fujimori negli anni ’90. Attualmente è in carcere per violazione dei diritti umani e corruzione.

“È proprio grazie alla famiglia Fujimori che abbiamo una costituzione con un modello economico neoliberista che avvantaggia le multinazionali e danneggia gli interessi delle persone”, ha detto uno studente universitario che ha chiesto l’anonimato durante la manifestazione anti-Keiko di martedì. .

“Lotta per la democrazia”

I sostenitori di Fujimori, tra cui il leggendario scrittore del paese Mario Vargas Llosa, hanno affermato che Castillo potrebbe destabilizzare il Perù. Nonostante i recenti disordini politici, il Perù è sempre stato un investitore e una miniera nella regione, un rifugio relativamente sicuro per le imprese.

“Dobbiamo lottare per la democrazia. Non vogliamo essere il Venezuela, non vogliamo essere Cuba”, ha detto Roberto Rios, un manifestante che ha sostenuto Fujimori, che ha preso parte a una parata attraverso il centro di Lima nel fine settimana.

“Vogliamo mantenere la nostra libertà, niente di più”.

Castillo era un insegnante di scuola elementare poco conosciuto fino a quando non vinse inaspettatamente al primo turno di votazioni ad aprile, pianificando di riscrivere la costituzione del Perù, guadagnare più profitti dai minatori e aumentare le spese per l’istruzione e la salute.

Una volta ha detto che le compagnie minerarie stanno “saccheggiando” la ricchezza mineraria del Perù e minacciando di nazionalizzare i settori strategici, se necessario, ma con il progredire della campagna, la sua posizione si è allentata e ha cercato di conquistare gli elettori di mezzo.

Manca solo un punto percentuale alla vittoria di Fujimori alle elezioni generali del 2016. È salita alle stelle nei sondaggi il mese scorso e il suo certificato di sicurezza ha brillato dopo che 16 persone sono morte nell’attacco di maggio da parte degli attivisti di Shining Path.

La famiglia Fujimori è quasi ugualmente amata e disgustata in Perù. Alcuni hanno elogiato Alberto Fujimori per aver combattuto i gruppi ribelli negli anni ’90 e hanno affermato di aver gettato le basi per la crescita economica dopo anni di crisi e iperinflazione.

Altri condannarono le sue tendenze autocratiche, e questa eredità gravò pesantemente sulle spalle del giovane Fujimori.

Gli analisti hanno anche affermato che se la parte perdente non accetta il risultato, i voti alla pari potrebbero innescare più proteste.

“La crisi ha reso questo paese molto instabile”, ha detto Peñaflor. “Ci saranno persone interessate a ritirare il tappeto a chi è al potere”.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *