Netanyahu accusa Israele di brogli elettorali, accusa i rivali di sciocchezze, Reuters


2/2

© Reuters. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha tenuto un discorso durante una cerimonia a Gerusalemme il 6 giugno 2021, per ringraziare le autorità sanitarie per il loro contributo alla lotta contro il coronavirus (COVID-19). REUTERS/Ronen Zvulun

2/2

Di Jeffrey Heller

GERUSALEMME (Reuters)-Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato domenica che una coalizione israeliana di recente formazione è pronta a lasciarlo dimettersi, il risultato della “più grande frode elettorale” nella storia della democrazia.

Poche ore dopo i commenti di Netanyahu, il nazionalista Naftali Bennett, che gli succederà come primo ministro, ha esortato il leader israeliano più longevo a non lasciarsi alle spalle la “terra bruciata” e ad accettare che “le persone possono stabilire un governo, anche se non lo fai”. t farlo “non testa”.

Netanyahu ha lanciato l’accusa a tutto campo quando il capo della sicurezza interna di Israele ha avvertito pubblicamente della prospettiva di violenza politica.

Commentando i suoi legislatori di destra del Likud, Netanyahu ha detto: “Stiamo assistendo alla più grande frode elettorale nella storia del Paese. Secondo me, questa è la storia di qualsiasi Paese democratico”.

Le sue accuse erano incentrate sulla violazione da parte di Bennett delle promesse elettorali, che aveva promesso di non collaborare con partiti di sinistra, centristi e arabi.

Mercoledì Bennett e il leader dell’opposizione Yair Lapid hanno annunciato di aver formato una coalizione di governo con fazioni di diverse fazioni politiche dopo che le elezioni del 23 marzo sono state infruttuose: si tratta della quarta elezione in Israele in due anni.

Secondo l’accordo di rotazione, Bennett sarà primo ministro, seguito da Rapide.

La data in cui il Parlamento ha votato per l’approvazione del nuovo governo non è stata ancora fissata.

In un discorso televisivo, Bennett ha fatto appello al presidente della Camera dell’Assemblea e fedele sostenitore di Netanyahu, Yarif Levine, di non cercare di guadagnare tempo per incoraggiare i membri della nuova coalizione a disertare, e ha detto che dovrebbe tenere un voto mercoledì. Levine non ha commentato immediatamente.

“Lascia andare. Lascia che il Paese vada avanti”, ha detto Bennett in un discorso a Netanyahu, in carica dal 2009. “Signor Netanyahu, non lasci indietro la terra bruciata. Tutti noi, l’intero paese, vogliamo ricordare le cose buone che ha fatto durante il suo servizio”.

Il mandato di Netanyahu è stato oscurato dal processo per corruzione: ha negato qualsiasi illecito, ma ha ottenuto elogi in patria e all’estero per il rapido lancio da parte di Israele della vaccinazione contro il COVID-19.

“Frode e resa”

Dopo le elezioni, il nuovo governo in futuro ha limitato il wrestling politico. Le persone arrabbiate per l’alleanza pianificata hanno organizzato proteste fuori dalle case dei politici dell’opposizione e le loro misure di sicurezza sono state rafforzate dopo essere state minacciate sui social media.

Netanyahu ha detto: “Noi, io e i miei amici del gruppo Likud, ci opporremo fermamente all’istituzione di questo pericoloso governo di frode e resa”. “E, Dio benedica, se sarà stabilito, presto lo rovesceremo”.

In un raro avvertimento pubblico, il capo dell’agenzia di sicurezza interna dello Shin Bet ha detto sabato che un discorso online sempre più estremo potrebbe portare alla violenza.

Pur condannando la violenza e l’incitamento, il 71enne Netanyahu ha ribadito di aver designato l’alleanza Rapide-Bennett come una coalizione di sinistra, che metterebbe in pericolo Israele.

Ha affermato che questa partnership diversificata non sarà in grado di affrontare Washington sulla questione del programma nucleare iraniano, né il gruppo militante di Hamas a Gaza, che ha avuto una battaglia di 11 giorni con Israele prima che il fragile cessate il fuoco entrasse in vigore il mese scorso.

Bennett, che guida il partito di estrema destra Amina e sostiene l’annessione di parti della Cisgiordania occupata, ha affermato che la descrizione di Netanyahu dell’alleanza come “estrema sinistra” è “un’altra bugia”.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *