Netflix: la perdita di abbonamenti può innescare fusioni e acquisizioni


A tutti piace guardare Netflix, il servizio di streaming più popolare al mondo. Rispetto all’anno precedente, le entrate nell’ultimo trimestre sono aumentate di quasi un quinto e l’utile netto è quasi raddoppiato.tuttavia oscurità Le prospettive finanziarie della società sono state risolte. I concorrenti Disney e Amazon stanno costruendo un’impressionante libreria di contenuti TV e film. Netflix dovrebbe prendere in considerazione l’acquisto di un proprio studio.

La crescita degli abbonamenti di quest’anno non può mai essere paragonata all’aumento delle unità bloccate nel 2020. Netflix ha aggiunto 1,5 milioni di nuovi utenti netti nel secondo trimestre. Sebbene superiore alla sua previsione bassa, non è riuscito ad attirare persone come 10 milioni nello stesso trimestre dello scorso anno. I pessimisti lamentano che il Nord America e il Canada hanno perso quasi mezzo milione di utenti, il primo calo in due anni.

Netflix ha bisogno di un numero crescente di clienti nei paesi più ricchi del mondo in grado di sopportare aumenti di prezzo e aumentare i profitti. Negli ultimi due anni, il reddito medio di ciascun membro negli Stati Uniti e in Canada è aumentato di $ 2 a $ 14,54. In America Latina, questo è la metà.

Il rallentamento degli abbonamenti non è solo perché è più difficile. Secondo i dati diffusi da Nielsen a giugno, i servizi di streaming ora richiedono più tempo per gli spettatori rispetto alla televisione trasmessa. Netflix ha problemi con i contenuti. Mancano nuovi successi, successi originali. La misurazione soggettiva dell'”interesse della domanda” da parte della startup di analisi Parrot Analytics (inclusa la ricerca su Google e i social media) mostra che concorrenti come Disney hanno indebolito l’interesse per Netflix.

Netflix ha speso 8 miliardi di dollari in contenuti nella prima metà di quest’anno. Potrebbero esserci nuovi successi nel secondo tempo. Ha anche un piano simile alla Disney per monetizzare la proprietà intellettuale attraverso negozi di e-commerce e videogiochi. Ma la concorrenza è spietata. Anche Amazon, Apple, Google e Facebook stanno investendo molti soldi nel campo dei giochi.

Perché non acquistare uno studio? La Disney ha acquisito la 20th Century Fox e Amazon sta acquisendo la MGM.Lionsgate, uno studio cinematografico indipendente con 3,4 miliardi di dollari di azioni, possiede tale crepuscolo E il piccolo servizio di streaming Starz. Netflix dovrebbe prendere in considerazione l’acquisto di più contenuti tramite gli studi di Hollywood prima che possano essere esauriti.

Se sei un abbonato e vuoi essere ricordato quando viene pubblicato un articolo Lex, fai clic sul pulsante “Aggiungi a myFT” sopra l’intestazione di questa pagina



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *