Perché Facebook è vietato in Cina e come accedervi

Facebook (FB) Ha più di 2,8 miliardi di utenti attivi mensili in tutto il mondo, principalmente senza impronte in Cina. Questo perché Facebook e molti altri fornitori di social media globali sono vietati in Cina. Il governo cinese controlla i contenuti di Internet e limita, elimina o vieta i contenuti che considera non in linea con gli interessi nazionali. Questo è cresciuto in un lungo elenco di aziende.

Punti chiave

  • Il “firewall” cinese impedisce agli utenti di Internet di visualizzare o pubblicare contenuti socialmente o politicamente sensibili.
  • Facebook e altre società Internet straniere sono state bloccate in Cina e anche gli sforzi di Facebook per compiacere la Cina sono stati respinti.
  • Allo stesso tempo, i servizi locali come TikTok, WeChat, Sina Weibo e Tencent QQ sono fioriti sotto la sorveglianza della censura governativa.

Programma d’azione

Le autorità cinesi hanno bloccato FacebookE Twitter e i servizi di GoogleNel luglio 2009, sono scoppiate rivolte nello Xinjiang, la regione autonoma speciale occidentale della Cina. La repressione mirava a ridurre la comunicazione tra attivisti indipendenti.

La Cina è considerata uno dei sistemi di censura più estesi e complessi al mondo. Molti metodi noti come “Great Firewall” vengono utilizzati per controllare l’espressione online, incluso il blocco dei siti Web e il filtro delle parole chiave, la censura dei social media e l’arresto degli editori di contenuti che sollevano questioni sensibili o politiche. Molte agenzie governative esercitano potere su Internet in Cina, come il Dipartimento centrale della propaganda e il Ministero della pubblica sicurezza. Nel 2014 ha istituito la China Cyberspace Administration of China come organo principale della censura di Internet in Cina.

Il firewall impedisce agli utenti di accedere a siti web di notizie straniere, come la BBC, New York Times, con giornale di Wall Street,e tanti altri. I servizi Internet stranieri che sono stati bloccati includono Facebook, Google, Twitter, Instagram, Snapchat, Yahoo, Slack e YouTube.

Nel 2018, Facebook ha cercato di creare una filiale da 30 milioni di dollari a Hangzhou per incubare start-up e fornire consulenza alle aziende locali. Il permesso di avvio è stato rapidamente revocato.

Sebbene non sia in grado di condurre affari in Cina, Facebook ha ottenuto notevoli entrate dalla Cina. La società ha dichiarato nel suo rapporto annuale 2020 che “riceve entrate sostanziali da un numero limitato di distributori che rappresentano gli inserzionisti cinesi”. Pivotal Research Group stima che questa cifra sia di 5 miliardi di dollari USA. Meet Social, un’agenzia pubblicitaria con sede a Shenzhen, ha affermato che nel 2019 metterà da 1 a 2 miliardi di dollari in pubblicità su Facebook e Instagram.

Chi ha avuto successo sui social cinesi?

Sebbene il Great Firewall abbia escluso le società Internet straniere, le società locali sono riuscite a prosperare. Alcuni dei giocatori più grandi includono il rivenditore di e-commerce Alibaba (Baba) e JD (Jingdong), motore di ricerca Baidu (inizio) E il servizio Weibo Sina Weibo (argento). Tencent QQ e WeChat sono popolari app di messaggistica simili a WhatsApp, mentre Tudou e Youku sono versioni cinesi di YouTube.

Alcune società Internet cinesi hanno ottenuto un notevole successo all’estero. ByteDance, con sede a Pechino, esegue TikTok, un’app per brevi video, con circa 600 milioni di utenti in tutto il mondo ogni giorno.

Come accedere a Facebook in Cina

Oltre ad essere vietato in Cina, Facebook è vietato anche in Corea del Nord e Iran. La regione amministrativa speciale di Macao e la regione amministrativa speciale di Hong Kong implementano “Un paese, due sistemi”.

Nonostante il divieto, esistono ancora diversi modi per accedere a Facebook e ad altri siti Web bloccati in Cina. Ecco tre opzioni:

  • La rete privata virtuale (VPN) è essenziale per i turisti e gli stranieri che vivono in Cina. Sebbene le VPN a volte siano bloccate e difficili da usare, gli stranieri segnalano che sono ancora disponibili. Si consiglia di garantire la sicurezza di più abbonamenti VPN prima di entrare in Cina e di presumere sempre che il traffico venga monitorato.
  • Un sito Web proxy è un’altra opzione, ma può anche essere monitorato.
  • Tor aiuta gli utenti a navigare in Internet in modo anonimo. Tuttavia, gli hacker cinesi hanno trovato un modo per impedire agli utenti di accedere a Internet.

Il futuro di Facebook in Cina

Il firewall impedisce alle società Internet americane di prendere piede in Cina. Mark Zuckerberg, Questo Amministratore delegato Facebook ha fatto molte volte visite di alto profilo in Cina, ma sono stati fatti pochi progressi. Il sito è bloccato dal 2009, ma Facebook riesce comunque a guadagnare qualche introito attraverso la rete di rivenditori di annunci. Finché rimarranno in vigore rigidi controlli, Facebook e altre società sembrano restare a guardare.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *