Perché i banchieri centrali non sono più d’accordo su come affrontare l’inflazione


Una volta, i banchieri centrali sapevano cosa dovevano fare per affrontare l’inflazione. Mentre lottavano per affrontare le conseguenze economiche della pandemia di coronavirus, il consenso su come promuovere al meglio una crescita dei prezzi bassa e stabile si è rotto.

Dopo anni passati a fissare i tassi di interesse sulla base delle previsioni di inflazione e cercando di raggiungere un obiettivo di circa il 2%, le principali autorità monetarie di tutto il mondo stanno adottando strategie diverse.

OCSE Attenzione questa settimana “Bisogna essere vigili”, ma ogni tentativo di aumentare i tassi di interesse dovrebbe “dipendere dal paese ed essere guidato dal miglioramento continuo del mercato del lavoro, dai segnali di persistenti pressioni inflazionistiche e dai cambiamenti nella politica fiscale” – così vago che tutti i principali La banca centrale può dire che le sue politiche soddisfano gli standard.

La Fed ha Cambiare posizione Per dare all’inflazione più spazio di manovra e dare più priorità all’occupazione, la Banca centrale europea ha continuato a lottare per tollerare il superamento dell’inflazione, mentre la Banca del Giappone ha lavorato invano per ravvivare le aspettative di crescita dei prezzi al consumo.

Inflazione: una nuova era?

I prezzi in molte delle principali economie stanno aumentando. Il “Financial Times” britannico indaga se l’inflazione si riprenderà in modo permanente.

Giorno 1: Per decenni, le economie avanzate non hanno dovuto affrontare un’inflazione in rapida crescita. Questo cambierà?

Giorno 2: Il consenso globale tra i banchieri centrali su come promuovere al meglio un’inflazione bassa e stabile si è rotto.

Giorno 3: Canarie nelle miniere di carbone dell’inflazione americana: auto usate.

Giorno 4: come il virus distrugge le statistiche ufficiali sull’inflazione.

Giorno 5: Perché gli aumenti dei prezzi nelle economie sviluppate sono un problema per i paesi in via di sviluppo oppressi dal debito.

Il cambiamento strategico negli Stati Uniti è il più radicale. L’anno scorso, il presidente della Federal Reserve Jay Powell ha annunciato un nuovo quadro monetario.

Il credo della Fed cerca di sbarazzarsi di decenni di aumenti preventivi dei tassi di interesse per evitare potenziali pressioni inflazionistiche e allo stesso tempo perseguire più ostinatamente la piena occupazione.Ritiene che questa strategia andrà a beneficio di più americani, compresi i lavoratori a basso salario e le minoranze.

Consentirà all’inflazione di essere superiore al suo obiettivo del 2% per un periodo di tempo dopo essere stata al di sotto dell’obiettivo per un lungo periodo di tempo per garantire che le aziende e le imprese si aspettino che i tassi di interesse rimangano bassi per un lungo periodo di tempo e quindi spendano denaro invece di risparmiare. Una delle motivazioni della Fed è stata quella di evitare di ripetere la sua posizione dopo la crisi finanziaria, quando l’inasprimento delle politiche ha rallentato la ripresa.

“Sono preoccupato per i rischi su entrambi i lati di questo percorso previsto”, Lyle Brainard diceMartedì il governatore della Fed.Ha detto che “monitorerà attentamente” i dati sull’inflazione per assicurarsi che non si sviluppi in un “modo sgradito”, ma sarà anche “consapevole del rischio di ritracciamenti prematuri” e ha avvertito di “bassi tassi di interesse di equilibrio”. -tendenze pandemiche [and] Le persone con una “bassa inflazione tendenziale sottostante” possono “ripetere” se stesse.

Ma i critici temono che la strategia della Fed sia progettata per un mondo di politica fiscale prudente, non per l’era di una pandemia. Grandi quantità di prestiti e speseSe la pressione sui prezzi aumenta, ciò potrebbe farli cadere dietro la curva.

Il tasso di crescita annuale di venerdì è stato del 3,1% Spesa per consumi personali di base L’indice rafforza alcune di queste preoccupazioni.

Negli ultimi cinque anni, la Banca del Giappone ha perseguito la sua promessa di superamento dell’inflazione, ma non si è nemmeno avvicinata all’obiettivo del 2%. Poco è cambiato dopo la pandemia: L’inflazione non ha dove andare Prossimamente, la crescita della spesa è lenta.

Le famiglie e le aziende giapponesi credono fermamente che l’inflazione rimarrà vicina allo zero, il che rende quasi impossibile per la Banca del Giappone raggiungere i suoi obiettivi.

In un recente discorso, il governatore della Banca del Giappone Kuroda Haruhiko ha dichiarato: “La formazione delle aspettative di inflazione giapponese non è influenzata solo dal tasso di inflazione osservato in quel momento, ma anche dall’esperienza passata e dalle norme stabilite nel processo”.

Allo stesso tempo, i responsabili delle politiche dell’Eurozona sono coinvolti in una discutere in modo aggressivo Quando la Banca centrale europea condurrà la propria revisione delle politiche, i risultati saranno annunciati a settembre.

Tasso di inflazione annuale (%) Il grafico a linee mostra che la banca centrale sta rispondendo alle pressioni sui prezzi

Oli Rehn, che fa parte del consiglio di amministrazione della Banca di Finlandia, ha recentemente affermato: “Dal punto di vista economico e sociale, ha senso accettare un certo periodo di crescita economica. [inflation] Overshoot, tenendo conto della cronologia dell’overshoot. “

Ma Isabel Schnabel, direttore esecutivo della Banca centrale europea, ha avvertito che sarebbe rischioso.Schnabel ha detto il mese scorso che sebbene la banca centrale non dovrebbe reagire in modo eccessivo Se l’inflazione supera Dopo essere stata lenta ad agire, era “scettica” sull’obiettivo ufficiale del tasso di inflazione medio in un determinato periodo.

“Quanto dovrebbe essere lungo il periodo di calcolo medio? Quanto dovrebbe essere comunicato?”, ha chiesto. “Personalmente penso che non dovremmo seguire questa strategia”.

Per alcuni economisti, queste differenze sono irrilevanti: la politica monetaria è diventata così estesa che i governatori delle banche centrali non dispongono di strumenti efficaci per fare di più.

Chad Bawell, Macro Research Manager di BNP Paribas Asset Management Corporation, ha affermato che la Banca centrale europea non ha quasi “munizioni” e che, sebbene il tasso di inflazione dell’Eurozona a maggio sia stato leggermente superiore al suo obiettivo vicino ma inferiore al 2%, deve essere ambizioso. politica fiscale, o semplicemente adottare una politica fiscale ambiziosa. Con un po’ di fortuna, può durare un po’.

“A meno che l’Europa non stia per introdurre alcune misure di stimolo fiscale su larga scala in stile Biden, o il vento contrario della deflazione si dissipi improvvisamente, le misure di stimolo monetario necessarie per aumentare il tasso di inflazione sopra il 2% sono… ben oltre le loro capacità.” Lui dice.

Il grafico a linee del tasso di interesse della banca centrale (%) mostra che i tassi di interesse nelle economie avanzate sono scesi a zero

Ciò rende la Fed di fronte a scelte difficili nei prossimi mesi.L’inflazione negli Stati Uniti è Supera l’obiettivo, La domanda è forte, bisogna decidere se premere leggermente i freni.

I politici si stanno preparando ad avviare un dibattito per ridurre parte del loro sostegno, ma non mostrano segni di cedimento con il nuovo quadro politico, insistendo sul fatto che il recente aumento dell’inflazione potrebbe essere temporaneo anziché continuo.

La scorsa settimana, il vicepresidente della Fed Randall Quarles ha dichiarato che il quadro è progettato per il mondo attuale di “crescita lenta del lavoro, bassa crescita potenziale, bassa inflazione potenziale e quindi bassi tassi di interesse”.

“Non sono preoccupato di tornare agli anni ’70”, ha detto.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *