Perché non c’è profitto in un mercato perfettamente concorrenziale?

Nell’economia neoclassica, la concorrenza perfetta è una struttura di mercato teorica che può portare i migliori risultati economici ai consumatori e alla società. Un mercato in concorrenza perfetta può essere definito un mercato “perfetto” dagli economisti che sono d’accordo con questa scuola. Pertanto, alcuni economisti utilizzano la concorrenza perfetta come punto di riferimento per confrontare le prestazioni dei mercati reali. Sebbene alcune industrie possano presentare determinate caratteristiche di concorrenza perfetta, poche industrie possono essere descritte come concorrenza perfetta perché è un modello teorico astratto. Oltre alla concorrenza perfetta, altri tipi di strutture di mercato (tutte con vari gradi di concorrenza) sono il monopolio, la concorrenza monopolistica e l’oligopolio.

Punti chiave

  • Nell’economia neoclassica, la concorrenza perfetta è una struttura di mercato teorica che può portare i migliori risultati economici ai consumatori e alla società.
  • In un mercato perfettamente concorrenziale, ci sono troppe aziende che producono lo stesso prodotto e, a lungo termine, nessuna azienda può acquisire abbastanza influenza da influenzare il settore.
  • Nel lungo periodo, tutte le possibili cause di profitto economico vengono infine eliminate nel modello della concorrenza perfetta.

In un mercato perfettamente concorrenziale, le aziende possono registrare profitti o perdite solo in un breve periodo di tempo. Nel lungo periodo, profitti e perdite vengono eliminati perché un numero infinito di aziende produce prodotti omogenei infinitamente divisibili.Nessuna esperienza aziendale Barriere all’ingresso, E tutti i consumatori hanno informazioni complete. Ci sono così tante aziende che producono lo stesso prodotto che, a lungo termine, nessuna azienda può ottenere abbastanza influenza da influenzare il settore. Pertanto, nel lungo periodo, nel modello della concorrenza perfetta, si assumono in definitiva tutte le possibili ragioni di profitto.

Mercato perfetto per raggiungere l’efficienza della distribuzione e della produzione

Teoricamente, è stato dimostrato che un mercato perfettamente concorrenziale raggiungerà l’equilibrio, dove l’offerta di ogni prodotto o servizio è uguale alla domanda al prezzo corrente.

L’efficienza di allocazione e l’efficienza di produzione sono entrambe caratteristiche della concorrenza perfetta. L’efficienza di allocazione si riferisce alla migliore allocazione di beni e servizi ai consumatori nell’economia. L’efficienza produttiva si riferisce all’azienda o al mercato che opera alla massima capacità; non può produrre quantità aggiuntive di merci senza ridurre il livello di produzione di un altro prodotto. In un mercato perfettamente concorrenziale, si ritiene che ogni azienda abbia raggiunto sia l’efficienza di configurazione che l’efficienza operativa.

Nel modello teorico della concorrenza perfetta, le imprese raggiungeranno l’efficienza di allocazione in un breve periodo di tempo. A breve termine, ogni produttore deve affrontare un prezzo di mercato pari al suo costo marginale di produzione.

A breve termine, un mercato perfetto non è necessariamente produttivo. Ma nel lungo periodo, con l’ingresso di nuove aziende nel mercato, l’efficienza produttiva aumenterà. L’aumento della concorrenza riduce i prezzi ei costi al minimo costo medio a lungo termine. In questo momento, il prezzo è uguale al costo marginale di ciascuna merce e al costo medio totale.

La differenza tra profitto normale e profitto economico

Economisti e contabili distinguono tra profitti normali e profitti economici. Profitto normale È definito come reddito meno spese esplicite e implicite.Il profitto normale consente all’impresa di ottenere un profitto appena sufficiente nel suo costo totale, ottenendo così effettivamente una compensazione utilità-prezzo.

Uno Profitto economico È qualsiasi reddito diverso dal normale profitto. A volte gli economisti si riferiscono ai profitti economici come “profitti straordinari”.Sebbene ci possano essere profitti economici a breve termine, non è chiaro Economia Profitti a lungo termine in un settore perfettamente competitivo.

A breve termine, i profitti economici attireranno aziende concorrenti e i prezzi diminuiranno inevitabilmente. Allo stesso modo, le perdite economiche porteranno le aziende a ritirarsi dal mercato e i prezzi aumenteranno. Questi fenomeni continueranno fino al raggiungimento dell’equilibrio di lungo periodo.

Tuttavia, tutte le aziende guadagnano normale Profitto a lungo termine. Quando si considera il profitto che esiste in un mercato perfetto, è importante notare questa distinzione tra i tipi di profitto.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *