Petrolio amplia i guadagni dalla disciplina dell’offerta OPEC+ e dalle prospettive della domanda Reuters


© Reuters. Foto del file: Il 7 aprile 2021, durante la pandemia della malattia di Coronavirus (COVID-19) a Los Angeles, California, USA, si possono vedere i contenitori di stoccaggio dell’olio. REUTERS/Lucy Nicholson

Stephanie Kelly

NEW YORK (Reuters) – I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre l’1% mercoledì, sostenuti dalla decisione dell’Opec e dei suoi alleati di attenersi ai piani per ripristinare gradualmente le forniture e al lento andamento dei negoziati sul nucleare tra Iran e Stati Uniti.

A partire dalle 13:33 Eastern Time (1733 GMT), è aumentato di $ 1,12, o 1,6%, a $ 71,37 al barile. Martedì, il greggio Brent ha raggiunto il livello più alto da marzo negli scambi intraday.

Il petrolio greggio US West Texas Intermediate (WTI) è aumentato di 1,13 dollari USA, o dell’1,7%, a 68,85 dollari USA al barile.

Louise Dickson, analista del mercato petrolifero di Rystad Energy, ha dichiarato: “Il mercato petrolifero accoglie con favore la decisione dell’OPEC+ di attenersi al suo attuale piano di produzione. Insieme ai segnali di una domanda globale positiva, i prezzi sono ulteriormente aumentati oggi”.

Si prevede che la domanda riprenderà, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i suoi alleati, denominati collettivamente OPEC+, hanno concordato martedì di mantenere il suo piano per allentare gradualmente le restrizioni sull’offerta fino a luglio. [nL2N2NJ0VP]

Gli analisti hanno affermato che l’incontro dell’OPEC+ è durato solo 20 minuti, il tempo più breve nella storia dell’organizzazione, a dimostrazione dell’unità tra i suoi membri e della loro fiducia nella ripresa del mercato.

I dati OPEC+ mostrano che, rispetto a un mese fa, l’organizzazione è ora più ottimista sul ritmo del riequilibrio del mercato petrolifero.

Grafico: equilibrio del mercato petrolifero-https://graphics.reuters.com/GLOBAL-OIL/rlgvddlxyvo/chart.png

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha dichiarato che la forte ripresa della domanda negli Stati Uniti e in Cina e il ritmo del lancio del vaccino COVID-19 porteranno solo a un ulteriore riequilibrio del mercato petrolifero globale.

“Prevediamo che i prezzi del petrolio saranno molto più alti di 70 dollari al barile entro la metà dell’anno”, ha affermato Norbert Rucker, analista della banca svizzera Julius Baer.

Gli analisti hanno anche affermato che se verrà raggiunto un accordo, i negoziati sul nucleare iraniano procederanno lentamente, fornendo respiro per recuperare il ritardo con la domanda prima che il petrolio iraniano ritorni sul mercato.

Gli investitori stanno ancora aspettando che i dati sull’inventario del settore vengano rilasciati più tardi mercoledì. Un sondaggio Reuters di mercoledì ha mostrato che le scorte di petrolio greggio statunitensi dovrebbero diminuire la scorsa settimana, mentre le scorte di petrolio distillato dovrebbero scendere per l’ottava settimana consecutiva. [EIA/S]

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *