Premafin-Groupama, niente accordo. Ma i francesi non mollano

Non c’è ancora un accordo per l’ingresso di Groupama nel capitale di Premafin: è questo che emerge dai comunicati ufficiali delle due società. La famiglia Ligresti ha fatto sapere che al momento “non sussistono allo stato le condizioni perchè proseguano utilmente i contatti per l’ingresso di Groupama nel capitale di Premafin” dunque la trattativa è stata chiusa sul nascere.
Ma la società Groupama vuole crescere in Italia: ha infatti comunicato che “è disponibile a esaminare tutte le possibili soluzioni nell’ambito di un’eventuale evoluzione del dossier”. Dunque questa trattativa potrebbe avere interessanti margini di apertura, quantomeno da parte di Groupama. Premafin aveva anche spiegato nel comunicato rilasciato nei giorni scorsi, di avere “allo studio soluzioni alternative indirizzate al rafforzamento patrimoniale del gruppo”. In maniera più tecnica, spieghiamo che la decisione di rompere la trattativa, è stata presa dalle finanziarie del gruppo Ligresti, ma anche la Consob aveva già fermato il progetto. Infatti Groupama stava per entrare in Premafin con il 17% delle quote, mentre si poteva valutare un eventuale ingresso in Fonsai. La Consob non ha gradito questa doppia strada lanciata da Groupama, che stava per lanciare due Opa: a questo punto Groupama dovrà trovare delle soluzioni alternative se vuole ancora entrare nel mercato italiano con Premafin.

Pietro Gugliotta

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *