Qual è la differenza tra il costo del capitale di debito e il costo del capitale?

Ogni azienda ha bisogno di capitale per operare con successo. Il capitale sono i fondi necessari e utilizzati da un’azienda (che sia una piccola impresa o una grande azienda) nelle sue operazioni quotidiane. Il capitale può essere utilizzato per investimenti, marketing e ricerca e per il rimborso del debito.

Ci sono due principali fonti di capitale che l’azienda fa affidamento sul debito e giustoEntrambi forniscono i fondi necessari per mantenere l’attività in funzione, ma ci sono grandi differenze tra i due. Sebbene entrambi i tipi di finanziamento abbiano i loro vantaggi, ogni tipo di finanziamento ha anche dei costi.

Di seguito, descriviamo il debito e il capitale proprio e le differenze tra loro.

Punti chiave

  • Sia il debito che il capitale proprio forniscono alle aziende i fondi necessari per mantenere le operazioni quotidiane.
  • La società prende in prestito capitale di debito sotto forma di prestiti a breve e lungo termine e lo rimborsa con gli interessi.
  • Il capitale non rimborsabile viene raccolto mediante emissione di azioni ordinarie e privilegiate e utili portati a nuovo.
  • La maggior parte degli imprenditori preferisce il capitale di debito perché non diluisce la proprietà.

Debito capitale

Il capitale di debito si riferisce a fondi presi in prestito che devono essere rimborsati in seguito. Si tratta di qualsiasi forma di capitale di crescita raccolto dall’azienda tramite prestiti. Questi prestiti possono essere a lungo oa breve termine, come la protezione da scoperto.

Il capitale di debito non diluisce gli interessi dei proprietari della società nella società. Ma rimborsare gli interessi prima che il prestito venga estinto può essere problematico, specialmente quando i tassi di interesse aumentano.

La legge impone alle società di pagare integralmente gli interessi sul capitale di debito prima di pagare i dividendi agli azionisti. Ciò pone il capitale di debito più in alto nell’elenco delle priorità di rendimento annuale della società.

Sebbene il debito consenta all’azienda di utilizzare una piccola somma di denaro per un importo maggiore, il creditore di solito deve pagare gli interessi in cambio. Questo tasso di interesse è il costo del capitale di debito. Anche il capitale di debito può essere difficile da ottenere o può richiedere garanzie, soprattutto per le società in difficoltà.

Se un’azienda ottiene un prestito di $ 100.000 a un tasso di interesse del 7%, Costo del capitale Perché il prestito è del 7%. Poiché i pagamenti del debito sono generalmente esentasse, le aziende considerano l’aliquota dell’imposta sulle società quando calcolano il costo effettivo del capitale di debito moltiplicando il tasso di interesse per il reciproco dell’aliquota dell’imposta sulle società. Supponendo che l’aliquota dell’imposta sulle società sia del 30%, il costo del capitale del prestito nell’esempio precedente è 0,07 X (1-0,3) o 4,9%.

Equità

Poiché il capitale azionario di solito proviene dai fondi investiti dagli azionisti, Costo del capitale Il capitale è leggermente più complicato. Un fondo azionario non richiede alle società di sostenere debiti, il che significa che non ha bisogno di rimborsare. Tuttavia, in base alla performance complessiva del mercato e alla volatilità dei relativi titoli, gli azionisti possono ragionevolmente aspettarsi un certo grado di ritorno sull’investimento.

La società deve essere in grado di generare rendimenti che soddisfino o superino questo livello: valutazioni azionarie e dividendi sani per mantenere l’investimento degli azionisti.Questo Capital Asset Pricing Model (CAPM) Utilizzare tassi di interesse privi di rischio, premi per il rischio di mercato più ampi e il valore beta delle azioni della società per determinare il tasso di rendimento atteso o il costo del capitale.

Il capitale proprio riflette la proprietà, mentre il capitale di debito riflette gli obblighi.

Di solito, il costo dell’equità supera il costo del debito. Gli azionisti affrontano rischi maggiori rispetto ai finanziatori perché la legge richiede il rimborso del debito indipendentemente dal margine di profitto della società.

Il capitale sociale può avere le seguenti forme:

  • Azioni ordinarie: la società vende azioni ordinarie agli azionisti per raccogliere denaro. Gli azionisti ordinari possono votare su determinate materie societarie.
  • Azioni privilegiate: questo tipo di azioni non conferisce agli azionisti diritti di voto, ma garantisce la proprietà della società. Se la società viene liquidata, questi azionisti saranno effettivamente pagati prima degli azionisti comuni.
  • Utili non distribuiti: questi sono gli utili che l’azienda ha trattenuto nel corso della sua storia aziendale che non sono ancora stati restituiti agli azionisti come dividendi.

Il patrimonio è riportato nella sezione del patrimonio netto del bilancio della società. Nel caso di ditta individuale, è riportato nella sezione del patrimonio netto.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *