Qual è la teoria quantitativa del denaro?

L’economia monetaria è una branca dell’economia che studia diverse teorie monetarie. Una delle principali aree di ricerca dell’economia è la teoria quantitativa della moneta (QTM). Secondo la teoria quantitativa della moneta, il livello totale dei prezzi di beni e servizi è direttamente proporzionale all’offerta di moneta nell’economia. Sebbene questa teoria sia stata proposta per la prima volta dal matematico polacco Nicolaus Copernicus nel 1517, fu successivamente introdotta dagli economisti Milton Friedman e Anna Schwartz. Fu promossa dopo che Anna Schwartz pubblicò “A History of American Currency, 1867-1960” nel 1963.

Secondo la teoria quantitativa della moneta, se la quantità di denaro in un’economia raddoppia, tutte le altre condizioni sono uguali, Livello di prezzo Sarà anche raddoppiato. Ciò significa che i consumatori pagheranno il doppio per la stessa quantità di beni e servizi.L’aumento dei prezzi porterà alla fine ad un aumento dei prezzi inflazione Grado; L’inflazione è una misura della velocità con cui aumentano i prezzi di beni e servizi in un’economia.

Le forze che influenzano l’offerta e la domanda di qualsiasi merce influenzano anche l’offerta e la domanda di moneta: un aumento dell’offerta di moneta ridurrà il valore marginale della moneta, in altre parole, quando l’offerta di moneta aumenta, Alle stesse condizioni, Il potere d’acquisto di un’unità di valuta diminuisce. Per adattarsi in questo modo il valore marginale del denaro è diminuito, i prezzi di beni e servizi sono aumentati. Ciò porta a un livello più elevato di inflazione.

Punti importanti

  • Uno dei principali campi di ricerca dell’economia è chiamato economia monetaria, chiamata teoria quantitativa della moneta.
  • Secondo la teoria quantitativa della moneta, il livello totale dei prezzi di beni e servizi è direttamente proporzionale all’offerta di moneta in un’economia, assumendo che il livello di produzione effettivo sia costante e il tasso di flusso di denaro sia costante.
  • Le forze che influenzano l’offerta e la domanda di qualsiasi merce influenzano anche l’offerta e la domanda di moneta: alle stesse condizioni, un aumento dell’offerta di moneta ridurrà il valore marginale della moneta, riducendo così il potere d’acquisto di un’unità di moneta.
  • Molti economisti keynesiani sono ancora critici nei confronti dei principi di base della teoria quantitativa monetaria e monetarista e mettono in dubbio l’affermazione che le politiche economiche che cercano di influenzare l’offerta di moneta siano il modo migliore per risolvere la crescita economica.

Qual è la teoria quantitativa del denaro?

Qual è la teoria quantitativa del denaro?

La teoria quantitativa della moneta (QTM) presuppone anche che la quantità di moneta in un’economia abbia una grande influenza sul suo livello di attività economica. perciò, Finanziamento Portare a cambiamenti nei livelli di prezzo o cambiamenti nella fornitura di beni e servizi, o entrambi. Inoltre, la teoria presume che i cambiamenti nell’offerta di moneta siano la ragione principale dei cambiamenti nelle spese.

Un’implicazione di queste ipotesi è che il valore del denaro dipende dalla quantità di denaro disponibile nell’economia. Un aumento dell’offerta di moneta porta ad una diminuzione del valore della moneta, perché un aumento dell’offerta di moneta porta anche ad un aumento del tasso di inflazione. Con l’aumento dell’inflazione, Potere d’acquisto tagliare. Il potere d’acquisto è il valore di una valuta, espresso nella quantità di beni o servizi che possono essere acquistati in un’unità monetaria. Quando il potere d’acquisto di un’unità monetaria diminuisce, sono necessarie più unità monetarie per acquistare la stessa quantità di beni o servizi.

Durante gli anni ’70 e ’80, a causa dell’aumento della moneta, la teoria quantitativa della moneta divenne sempre più importante. Monetarismo. Nell’economia monetaria, il modo principale per raggiungere la stabilità economica è controllare l’offerta di moneta. Secondo il monetarismo e la teoria monetaria, i cambiamenti nell’offerta di moneta sono la forza principale che sostiene tutte le attività economiche, quindi i governi di tutti i paesi dovrebbero attuare politiche che influenzano l’offerta di moneta per promuovere la crescita economica. Poiché sottolinea che la quantità di denaro determina il valore della moneta, la teoria quantitativa della moneta è molto importante per il concetto di monetarismo.

Calcola QTM

La teoria quantitativa della moneta crede che il valore di scambio del denaro sia determinato dalla domanda e dall’offerta come altre merci.Si chiama l’equazione di base della teoria della quantità Equazione di Fisher Perché è stato sviluppato dall’economista americano Irving Fisher. Nella sua forma più semplice, assomiglia a questo:













(

medio

)

(

volt

)

=

(

P

)

(

T

)














dov’è:














medio

=

Finanziamento














volt

=

Velocità del ciclo (numero di volte














Il denaro cambia di mano)














P

=

Livello di prezzo medio














T

=

Volume delle transazioni di beni e servizi





begin {allineato} & (M) (V) = (P) (T) & textbf {dove:} & M = text {offerta di denaro} & V = text {velocità di circolazione (numero di volte) & text {cambio di mano valuta}} & P = text {livello di prezzo medio} & T = text {volume di transazione di beni e servizi} end {allineato}


(medio)(volt)=(P)(T)dov’è:medio=Finanziamentovolt=Velocità del ciclo (numero di volte Il denaro cambia di mano)P=Livello di prezzo medioT=Volume delle transazioni di beni e servizi

Alcune varianti della teoria della quantità propongono inflazione e Deflazione Si verifica in proporzione all’aumento o alla diminuzione dell’offerta di moneta. L’evidenza empirica non lo ha ancora dimostrato e la maggior parte degli economisti non sostiene questo punto di vista.

La versione sfumata della teoria della quantità aggiunge due avvertenze:

  1. nuovo i soldi Deve effettivamente circolare nell’economia per provocare l’inflazione.
  2. L’inflazione è relativa, non assoluta.

In altre parole, se più banconote da un dollaro sono coinvolte nelle transazioni economiche, il prezzo sarà spesso superiore al prezzo originale.

Monetarismo

I monetaristi ritengono che un rapido aumento dell’offerta di moneta porterà a un rapido aumento del tasso di inflazione. Questo perché quando la crescita della moneta supera la crescita del prodotto economico, ci saranno troppi soldi per sostenere la produzione di beni e servizi che sono troppo pochi. Per frenare il rapido aumento dell’inflazione, la crescita dell’offerta di moneta deve essere inferiore alla crescita della produzione economica.

Quando gli esperti di valuta considerano una straordinaria soluzione economica che deve aumentare i livelli di produzione, alcuni esperti di valuta possono suggerire un aumento dell’offerta di moneta, che è una spinta a breve termine. Tuttavia, gli effetti a lungo termine della politica monetaria non possono essere previsti, quindi molti monetaristi ritengono che l’offerta di moneta debba essere mantenuta entro un intervallo accettabile in modo che il livello di inflazione possa essere controllato.

I monetaristi suggeriscono che il governo non dovrebbe consentire a politiche non inflazionistiche (come la graduale riduzione dell’offerta di moneta) di guidare lo sviluppo economico, invece di adeguare continuamente le politiche economiche attraverso la spesa pubblica e i livelli di tassazione. lavoro a tempo pieno.

Keynesiano

Molti economisti keynesiani sono ancora critici nei confronti dei principi di base della teoria quantitativa monetaria e monetarista e mettono in dubbio l’affermazione che le politiche economiche che cercano di influenzare l’offerta di moneta siano il modo migliore per risolvere la crescita economica.

L’economia keynesiana è una teoria economica, utilizzata principalmente per riferirsi all’idea che il governo dovrebbe utilizzare la stabilizzazione attivista e le politiche di intervento economico al fine di influenzare la domanda aggregata e ottenere prestazioni economiche ottimali. John Maynard Keynes era un economista britannico che sviluppò questa teoria negli anni ’30 come parte della sua ricerca, cercando di capire in primo luogo le cause della Grande Depressione. A quel tempo, Keynes sosteneva che il governo avrebbe dovuto rispondere alla depressione globale, che comportava l’aumento della spesa pubblica e l’abbassamento delle aliquote fiscali per stimolare la domanda e tirare fuori l’economia globale dalla depressione.

Negli anni ’30, Keynes contestò anche la teoria quantitativa della moneta, affermando che un aumento dell’offerta di moneta portava effettivamente a una diminuzione dell’offerta di moneta. velocità Denaro in circolazione reddito effettivo-Flussi di capitale Fattori di produzione-aumentare. Pertanto, la velocità di circolazione del denaro può cambiare con i cambiamenti nell’offerta di moneta. Negli anni trascorsi da quando Keynes ha avanzato questo argomento, altri economisti hanno dimostrato che l’argomento di Keynes sulla teoria quantitativa della moneta è effettivamente corretto.

Alcuni principi del monetarismo erano molto popolari negli Stati Uniti e nel Regno Unito negli anni 80. I leader di questi due paesi, come Margaret Thatcher e Ronald Reagan, cercarono di applicare i principi della teoria per raggiungere l’obiettivo della crescita monetaria. L’economia del loro paese. Tuttavia, nel tempo, le persone hanno scoperto che la stretta aderenza all’offerta di moneta controllata non fornisce una soluzione al rallentamento economico.

Secondo gli economisti keynesiani, ci sono due tipi di inflazione: guidata dalla domanda e guidata dai costi. Inflazione guidata dalla domanda Quando i consumatori possono richiedere beni più velocemente di quanto vengono prodotti, ciò può accadere a causa di un aumento dell’offerta di moneta. Il costo guida l’inflazione Ciò accade quando il prezzo di input di una merce può aumentare (forse a causa di una maggiore offerta di moneta) a un tasso superiore ai cambiamenti nelle preferenze dei consumatori.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *