Quattro mesi dopo il colpo di stato, i militari del Myanmar non sono riusciti a reprimere le proteste


© Reuters.

(Reuters) – I sostenitori pro-democrazia di Myanmar sono scesi in piazza martedì in diverse aree mentre i combattimenti tra l’esercito e le milizie anti-giunta infuriavano nelle aree di confine, quattro mesi dopo che il governo democraticamente eletto era stato rovesciato da un colpo di stato militare.

Nonostante la feroce repressione da parte delle forze di sicurezza, l’esercito birmano sta ancora cercando di dare ordini dopo aver arrestato Aung San Suu Kyi e gli alti dirigenti del suo partito, innescando proteste nazionali e scioperi paralizzanti.

Una foto pubblicata sui social media dal quotidiano Irrawaddy mostra manifestanti anti-militari in marcia verso la punta più meridionale del Myanmar.

Allo stesso tempo, le foto rilasciate dal portale Burmese Instant News mostrano che nel centro commerciale di Yangon, un gruppo di manifestanti prevalentemente giovani si è radunato nell’area di Kamayut.

“Non è ancora finita. È il nostro turno”, ha scritto un manifestante su un pezzo di carta.

Nei primi mesi dopo il colpo di stato, i raduni sono stati spesso attaccati da proiettili veri lanciati dalle forze di sicurezza.I manifestanti nelle aree urbane devono diventare più agili per evitare le forze di sicurezza, spesso usando mob o conducendo piccole proteste senza preavviso.

Dopo il colpo di stato, ci sono stati decenni di conflitto tra i militari nelle zone di confine e i militari delle minoranze etniche. Le milizie unite al governo ombra hanno intensificato i loro attacchi contro l’esercito, che ha risposto con armi pesanti e attacchi aerei, costringendo migliaia di persone alla fuga.

Un video del telefono cellulare ottenuto da un residente dello Stato di Kaye, che confina con la Thailandia, mostra quello che sembra essere un cannone che ha sparato dall’interno della capitale dello stato Loikaw a Demoso, a circa 14,5 chilometri (9 miglia) di distanza, dove le forze di difesa del popolo hanno dichiarato che avevano attaccato le truppe, sotto un feroce attacco

I residenti di Loikaw hanno detto che lunedì sono stati sparati circa 50 colpi e martedì mattina sei colpi.

Un residente ha detto a Reuters lunedì: “Il suono del cannone ci ha assordati”. Per motivi di sicurezza, ha chiesto l’anonimato.

La Karenni National Defense Force, una milizia attiva nello Stato di Kayah, ha dichiarato in un post sulla sua pagina Facebook (NASDAQ :) che lunedì sono stati uccisi 80 soldati, mentre anche un combattente e un civile sono stati vittime.

Reuters non ha potuto confermare questa dichiarazione e il portavoce del governo militare non ha risposto al telefono in cerca di commenti.

Le Nazioni Unite affermano che i combattimenti a Kayah nelle ultime settimane hanno provocato lo sfollamento di circa 37.000 persone. Molte persone sono fuggite nella giungla e hanno avuto bisogno di cibo e medicine.

Nelle città e nelle regioni di tutto il Myanmar, sono state costituite truppe civili, spesso dotate di fucili e di addestramento limitato, per sfidare i militari e sostenere il governo di unità nazionale, che ha espresso tradimento da parte del governo militare.

I dati forniti dai gruppi militanti mostrano che le forze di sicurezza hanno ucciso 840 persone dal colpo di stato.

Min Aung Hlaing, presidente del governo militare, ha affermato che il bilancio delle vittime è vicino a 300 e che è improbabile una guerra civile in Myanmar.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *