Regno Unito e UE avviano un’indagine antitrust contro Facebook


I regolatori di Bruxelles e del Regno Unito hanno annunciato venerdì che condurranno un’indagine formale sulla concorrenza su Facebook, attaccando congiuntamente l’uso dei dati dei clienti da parte della società di social media per dominare mercati chiave come la pubblicità digitale.

Venerdì, l’Autorità per la concorrenza e il mercato ha dichiarato che stava indagando se Facebook potrebbe “abusare del dominio dei social media o del mercato della pubblicità digitale attraverso la raccolta e l’uso di dati pubblicitari”.

Inoltre, Bruxelles ha dichiarato che sta avviando un’indagine antitrust formale per valutare se Facebook “utilizzando i dati pubblicitari raccolti in particolare dagli inserzionisti per competere con loro nei mercati attivi di Facebook (come gli annunci classificati)” viola il diritto dell’UE.

Le autorità di regolamentazione dell’UE hanno anche affermato che l’indagine indagherà se Facebook viola le regole di concorrenza dell’UE e collegherà il suo servizio di annunci classificati online “Facebook Marketplace” al suo social network.

Da quando la CMA è diventata un regolatore a gennaio, Bruxelles e il Regno Unito hanno adottato metodi simili per combattere il dominio delle grandi aziende tecnologiche. Dall’inizio di quest’anno, le istituzioni britanniche hanno avviato indagini su Google, Apple e Facebook. Negli ultimi anni la Commissione Europea ha avviato le proprie indagini su Google, Microsoft, Amazon e Apple.

L’indagine parallela di Facebook è stata condotta mentre il Regno Unito si stava preparando per la legislazione che avrebbe lanciato formalmente una nuova agenzia di regolamentazione della tecnologia all’interno della CMA. Il dipartimento del marketing digitale svilupperà codici di condotta personalizzati per le grandi aziende tecnologiche, che possono essere applicati attraverso sanzioni salate. Il dipartimento è stato lanciato in forma ombra ad aprile, ma potrebbe volerci molto tempo per ottenere l’autorizzazione.

Entrambi i regolatori hanno dichiarato che intendono Sondaggio Facebook,Sono Primo rapporto Dal Financial Times.

Il CEO di CMA Andrea Coscelli ha dichiarato: “Intendiamo indagare a fondo sull’utilizzo dei dati da parte di Facebook per valutare se le sue pratiche commerciali gli conferiscono un vantaggio sleale nel campo degli appuntamenti online e della pubblicità classificata.

“Qualsiasi vantaggio di questo tipo renderà più difficile il successo delle aziende concorrenti (comprese le imprese nuove e più piccole) e potrebbe ridurre le scelte dei clienti”.

Ha aggiunto: “Lavoreremo a stretto contatto con la Commissione europea quando indagheremo su questi problemi e continueremo a coordinarci con altre agenzie per risolvere questi problemi globali”.

Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo dell’Unione europea per la concorrenza e la politica digitale, ha dichiarato: “Facebook è utilizzato da quasi 3 miliardi di persone ogni mese e un totale di quasi 7 milioni di aziende fanno pubblicità su Facebook.

“Facebook raccoglie molti dati sul suo social network e altre attività degli utenti per consentirgli di rivolgersi a specifici gruppi di clienti. Studieremo in dettaglio se questi dati danno a Facebook un vantaggio competitivo indebito, specialmente negli annunci economici online. Dominio… Facebook compete anche con le aziende che raccolgono dati. Nell’economia digitale di oggi, i dati non dovrebbero essere utilizzati in modo da distorcere la concorrenza”.

Un portavoce di Facebook ha dichiarato: “Stiamo sempre sviluppando servizi nuovi e migliori per soddisfare le mutevoli esigenze delle persone che utilizzano Facebook. Marketplace e Dating offrono alle persone più scelte ed entrambi i prodotti si trovano in un ambiente altamente competitivo. Opera in Cina e possiede molti grandi aziende esistenti. Continueremo a collaborare pienamente con le indagini per dimostrare che sono prive di fondamento”.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *