Robinhood ha ordinato di pagare $ 70 milioni di multe ai regolatori statunitensi


I regolatori di Wall Street hanno ordinato alla piattaforma di trading al dettaglio Robinhood di pagare più di 70 milioni di dollari di multe per aver causato danni “estesi e significativi” ai suoi clienti.

Finra ha annunciato mercoledì di aver imposto una multa di 57 milioni di dollari USA a Robinhood e gli ha ordinato di pagare ai clienti 12,6 milioni di dollari più interessi, la più grande multa mai ordinata dai regolatori finanziari.

La sanzione è pari all’importo totale riscosso dal regolatore per l’intero anno 2020.

Dall’inizio della pandemia, Robinhood è diventato sinonimo dell’ascesa del day trading al dettaglio. Finra sostiene che il broker abbia fornito informazioni fuorvianti ai suoi clienti e che ampi guasti tecnici sulla piattaforma abbiano danneggiato i clienti durante i periodi di elevata volatilità.

Ha inoltre affermato che Robinhood consente a migliaia di clienti di negoziare derivati ​​rischiosi in circostanze “inappropriate”.

Jessica Hopper, capo del dipartimento delle forze dell’ordine di Finra, ha dichiarato: “Questa azione invia un messaggio chiaro che tutte le aziende associate a Finra, indipendentemente dalle loro dimensioni o modello di business, devono rispettare le regole che regolano il settore dell’intermediazione”. rispettare queste regole. Ciò che è superfluo non può essere sacrificato in nome dell’innovazione o della volontà di “distruggere le cose” e ripararle in seguito”.

Robinhood ha risposto: “Robinhood ha investito molti soldi per migliorare la stabilità della piattaforma, potenziare le risorse educative e costruire il nostro supporto clienti e i nostri team legali e di conformità. Siamo molto felici di lasciare questa questione alle spalle e non vediamo l’ora di continuare a seguire i nostri clienti e democratizzare la finanza per tutti”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *