SFO ha ordinato di esporre il potenziale contatto “improprio” con i riparatori


La Corte d’Appello di Londra ha chiesto al Serious Fraud Office del Regno Unito di consegnare il testo personale e altre prove del contatto del suo supervisore con il sospettato di corruzione degli Stati Uniti dopo che il giudice ha affermato che potrebbero essere “impropri”.

Giovedì, il giudice ha detto all’agenzia anticorruzione che deve rivelare l’entità della sua relazione con l’agente di Miami David Tinsley. Hanno parlato all’inizio dell’udienza di appello di Ziad Akle, un ex dirigente della società di consulenza petrolifera e del gas Unaoil, condannato per corruzione e incarcerato l’anno scorso.

La sentenza ha aumentato la pressione sull’agenzia e ha segnato la seconda volta che le è stato detto di rivedere i contatti di Tinsley. Il giudice del processo di Unaoil l’anno scorso ha criticato la direttrice dell’OFS Lisa Osofsky e ha lasciato intendere di essersi innamorata delle “adulazione” del riparatore.

Akle ha accusato Osofsky di aver incoraggiato l’ex funzionario della Drug Enforcement Administration Tinsley, che ha fondato la famiglia Ahsani per conto di Unaoil, a indurlo a dichiararsi colpevole mentre cercava di ottenere clemenza per i suoi clienti, anch’essi sospettati di corruzione.

Akle non si è dichiarato colpevole, ma ha affermato che le azioni di SFO che hanno portato alla sua condanna erano sbagliate.

Giovedì, l’avvocato di Akle, Adrian Darbishire, QC, ha chiesto alla corte di obbligare l’agenzia a produrre prove scritte di ciò che è accaduto tra l’ufficiale senior dell’OFS e Tinsley per poter continuare il suo appello.

La Corte d’Appello ha chiesto all’OFS di spiegare “le modalità e le circostanze del primo contatto di David Tinsley con l’OFS”. Ha inoltre ordinato all’agenzia di rinunciare a tutti i contatti pertinenti con lui e di mettere insieme i dettagli di eventuali incontri non registrati intervistando il personale senior.

Giovedì, il giudice Jay ha dichiarato che sembravano esserci prove che il contatto fosse “improprio”. “L’accusa qui è che l’OFS ha abusato del potere molto seriamente ed è andato dritto al livello più alto”, ha detto.

Darby Hill ha detto alla corte giovedì che Tinsley ha chiamato Osovsky “il mio nuovo arrivato preferito” in un messaggio di testo. Ha detto che il diario dell’ufficio di Osofsky non sembrava registrare nessuno dei sei incontri che Aker credeva si fosse verificato con Tinsley.

Ha detto che tali assenze “possono essere ragionevolmente solo parte o il risultato di una politica deliberata”. “L’incontro tra queste due entità non può essere casuale o accidentale… È solo che è stato trascurato nella tenuta dei registri.” Qualsiasi tentativo di privare deliberatamente la difesa dei materiali è una “distorsione della giustizia”.

L’OFS ha sostenuto giovedì che Tinsley potrebbe aver esagerato il numero di contatti che ha avuto con i direttori e ha affermato che le divulgazioni richieste non avrebbero aiutato il caso di Aker.

Michael Brompton QC, in rappresentanza dell’OFS, ha affermato che Osofsky ha avuto solo due incontri “sostanziali” con Tinsley, ma ha ammesso che potrebbero esserci “incontri accidentali” o che “si sono incontrati nel corridoio”.

Il giudice Tim Holroyd è intervenuto per chiedere a Tinsley perché lavorasse all’OFS. “Perché è nel corridoio? In circostanze normali, la gente non si aspetta di trovare un riparatore americano… che vaga per i corridoi dell’OFS”, ha detto.

Darbishire ha dichiarato che Tinsley ha contattato Osofsky nel 2018 e ha iniziato a stabilire una relazione con l’agenzia. Ha detto che l’OFS “sa e incoraggiato” che ha cercato di contattare Akle e l’altro imputato dietro l’avvocato. Darbishire ha detto che il ruolo di Tinsley “sembra essere quello di togliere Ahsanis dal controllo dell’OFS” per difendersi nei procedimenti degli Stati Uniti e sembra aver avuto successo.

Ciro e Saman Assani Dichiararsi colpevole Corruzione negli Stati Uniti nel 2019 ed è in attesa di giudizio. Darby Hill ha detto che sembra improbabile che vadano in prigione.

L’appello di Akle è stato rinviato e sarà eseguito in un secondo momento. Anche un altro imputato, Paul Bond, che era un senior sales manager per il cliente di Unaoil, SBM Offshore, ha impugnato la sua sentenza.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *