Sta arrivando una nuova era di trasparenza aziendale


Questo Accordo fiscale del ministro delle finanze del G7 È un passo verso un migliore sistema fiscale globale. Se arriviamo a questo punto, è per la pressione dei cittadini, che si sono resi conto di quanto sia rotto il sistema attuale.Questo è il motivo per cui l’UE è intervenuta questa settimana per costringere le grandi aziende a rendere pubbliche Suddividi i loro profitti paese per paese Importante quanto l’accordo del G7.

La buona notizia è che i rapporti pubblici sui paesi saranno ora estesi a tutte le più grandi società con sede o operanti nell’UE.Il gruppo lo ha richiesto Compagnia mineraria (Come gli Stati Uniti) e bancaQuesto è il benvenuto, e avrebbe dovuto essere molto tempo fa.

La cattiva notizia è che le nuove regole sono piene di scappatoie, facendo impallidire il setaccio. La soglia di fatturato di 750 milioni di euro richiesta per la rendicontazione è troppo alta, le aziende hanno troppo margine per eludere le regole rivendicando sensibilità commerciale. Peggio ancora, le aziende devono solo scomporre i profitti e le tasse degli Stati membri dell’UE e di alcuni paradisi fiscali elencati: arbitraggio normativo aggregando i profitti delle entità di gasdotti in paesi non coperti.

Alcuni lobbisti ritengono che non sia necessario rendere pubbliche le informazioni segrete dei funzionari fiscali.Tuttavia, poiché l’accordo del G7 ha dimostrato che l’esposizione del pubblico a operazioni fiscali sospette ha generato motivazioni politiche per risolvere il problema Regole fiscali globali, L’autorità fiscale delle risorse gestisce correttamente e intraprende azioni legali contro l’abuso di potere.

Si dice che l’argomento secondo cui una maggiore trasparenza ridurrà la competitività delle imprese europee è dovuto al fatto che perderanno il loro vantaggio contrattuale se i profitti disaggregati saranno resi pubblici.Lasciando da parte l’idea malsana che le aziende europee dovrebbero cercare vantaggio mantenendo i clienti all’oscuro di ottenere cattivi affari, c’è Nessuna prova Questo è già successo dove sono state applicate le relazioni pubbliche nazionali.

Ho trovato questi argomenti molto cattivi e posso solo concludere che sono motivati ​​dalla malizia. In alcuni casi, possono riflettere il desiderio di persistere nel fouling. Nella maggior parte dei casi, stanno solo cercando di difendere un atteggiamento radicato secondo cui i loro affari non hanno nulla a che fare con gli altri, specialmente tutti gli affari pubblici.

Tuttavia, è giunto il momento per questa visione del mondo, perché i limitati progressi nella trasparenza fiscale ne sono solo una piccola parte. Stiamo vivendo un cambiamento significativo nelle aspettative di apertura della società democratica.

I profitti e le tasse aziendali sono tutt’altro che gli unici esempi. Il cambiamento climatico ha esercitato un’enorme pressione sulle aziende affinché raccolgano e pubblichino dati sull’impatto ambientale delle loro attività.

Fino a poco tempo, questa richiesta era limitata agli investitori che avevano motivi speciali per prestare attenzione, ad esempio il fondo sovrano norvegese, la cui missione era investire in modo responsabile.proprio adesso Investimento preparato sulla base del cambiamento climatico È diventato mainstream: il governo e l’industria finanziaria sono in lizza per chi definirà lo standard per misurare questo grado di prontezza. In effetti, i ministri delle finanze del G7 hanno anche chiesto la divulgazione obbligatoria delle informazioni finanziarie relative al clima.

In un altro esempio, i paesi hanno iniziato a consentire alle aziende di segnalare Diritti umani nella filiera, Le regole comuni dell’UE sono imminenti. Ovunque si può osservare che la direzione della diffusione sono le informazioni aziendali private che in passato erano considerate di pubblico dominio, solitamente soggette a vincoli legali.

In quale altro modo è possibile? La rivoluzione digitale ha reso più facile trovare, condividere ed elaborare le informazioni: basta guardare la partecipazione del pubblico ai dati durante la pandemia di Covid-19. Ciò solleva inevitabilmente l’aspettativa che se esistono dati socialmente importanti, non dovrebbero essere nascosti. I cittadini stanno imparando che il settore aziendale sta accumulando dati su di loro; chiederanno almeno il più possibile su ciò che l’azienda sta facendo. Indipendentemente dal modo in cui le persone vedono le fughe di notizie non autorizzate, dalle fughe di segreti del governo di WikiLeaks e Snowden a una serie di attività di paradisi fiscali, tutte rivelano che l’idea che la maggior parte delle attività istituzionali possa essere tenuta fuori dagli occhi del pubblico è inutile.

Si avvicina un’era e la maggior parte delle cose che si possono conoscere saranno conosciute. Le istituzioni resilienti si prepareranno per questo futuro. Ciò significa delineare aree molto ristrette, come la privacy personale e i veri segreti aziendali e governativi, in cui è richiesta la riservatezza, accettando o addirittura accettando che la maggior parte delle informazioni non rientri in questa categoria. Le aziende di successo saranno quelle in grado di condurre affari sia all’aperto che al buio.

martin.sandbu@ft.com



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *