Tesla supera gli ostacoli e ottiene forti consegne di auto nel secondo trimestre


I dati pubblicati venerdì hanno mostrato che Tesla ha superato gravi problemi della catena di approvvigionamento e battute d’arresto in Cina e ha ottenuto forti consegne di nuove auto nel secondo trimestre.

Il produttore americano di auto elettriche ha dichiarato di aver consegnato 201.250 veicoli negli ultimi tre mesi, superiore ai 195.000-200.000 previsti dalla maggior parte degli analisti di Wall Street, nonostante i fattori sfavorevoli, tra cui Mancanza di parti E il problema logistico che ne ha causato l’interruzione della consegna.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, le consegne sono aumentate del 122% quando l’azienda è stata costretta a chiudere la sua principale fabbrica di automobili in California durante i primi mesi della pandemia. Tesla è sopravvissuta al peggio della crisi del Covid-19 meglio della maggior parte delle case automobilistiche, poiché la domanda per le sue auto è rimasta invariata, innescando un rimbalzo scioccante che ha causato l’aumento del prezzo delle sue azioni otto volte lo scorso anno.

Tuttavia, il numero di auto che Tesla è stata in grado di consegnare ai clienti era inferiore alle 206.421 auto prodotte dalla casa automobilistica in questo trimestre, il che dimostra che sta incontrando difficoltà nella consegna di auto ai clienti.

A causa della ripresa della pandemia e dell’espansione dello stabilimento di Shanghai dell’azienda, la produzione è aumentata del 151% su base annua. Tuttavia, la sua produzione di veicoli Model S e X ha raggiunto solo 2.340 unità mentre continuava a lottare per far fronte alla lenta crescita dei nuovi modelli.

Nonostante il rimbalzo delle consegne di auto quest’anno, molti investitori sono diventati più cauti riguardo alle prospettive dell’azienda di aumentare le sue vendite annuali a 1 milione di veicoli entro 12 mesi interi. Nonostante continui ad affrontare sfide impegnative, inizierà comunque ad espandere le linee di produzione dei suoi nuovi stabilimenti a Berlino e in Texas.

Il CEO Elon Musk ha avvertito ad aprile che Tesla aveva riscontrato seri problemi nel garantire la sicurezza di tutte le parti necessarie per i suoi veicoli, e a un certo punto ha persino fatto ricorso all’acquisto di uno da un negozio di elettronica nell’area di San Francisco. componenti.

“Il nostro team ha svolto un ottimo lavoro nel rispondere alle sfide della catena di approvvigionamento globale e della logistica”, ha affermato la società in una breve dichiarazione con i dati.

Anche Tesla ha subito una serie di guai Problemi di pubbliche relazioni In Cina nell’ultimo trimestre, la Cina è diventata il secondo mercato più importante. Le dimostrazioni di alto profilo dei proprietari di Tesla allo Shanghai Auto Show hanno innescato una cattiva pubblicità e anche i regolatori locali hanno riscontrato problemi con le loro auto.

Dalla fine del trimestre, Tesla ha richiamato quasi tutte le sue auto prodotte in Cina per risolvere i problemi con il suo software di guida autonoma, sebbene sia in grado di farlo tramite aggiornamenti software wireless.

Ovviamente per placare le autorità cinesi, Musk ha detto con entusiasmo Su Twitter In occasione del 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese, ha parlato dei progressi che la Cina ha fatto nella costruzione di infrastrutture e ha aggiunto: “Incoraggio le persone a visitare e visitare di persona”.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *