Toyota smette di donare ai repubblicani che cercano di impedire l’elezione di Biden


Toyota ha affermato che dopo settimane di campagne di pressione pubblica che hanno costretto la casa automobilistica a fare un’improvvisa inversione a U, smetterà di donare ai repubblicani che stanno cercando di rovesciare la vittoria elettorale di Joe Biden.

La società è stata presa di mira dopo che i dati hanno mostrato che il suo Comitato di azione politica aziendale (PAC) ha donato più fondi ai legislatori repubblicani di chiunque altro abbia votato contro la vittoria del Collegio elettorale di Biden.

Secondo un’analisi dei dati sulla raccolta fondi compilata dalla Washington Organization for Citizen Responsibility and Ethics il mese scorso, il dipartimento per le donazioni politiche di Toyota ha donato $ 56.000 a 38 membri del Congresso repubblicano che hanno votato per il veto a gennaio.

Inizialmente Toyota ha risposto all’analisi di Crew e ha dichiarato che riteneva inappropriato giudicare i membri del Congresso sulla base dei soli voti elettorali, ma la società ha cambiato posizione giovedì.

Toyota ha detto: “Comprendiamo che il PAC ha deciso di sostenere alcuni membri del Congresso che hanno contestato i risultati, il che ha disturbato alcune parti interessate”.

La società ha aggiunto: “Stiamo ascoltando attivamente le opinioni delle parti interessate e ora abbiamo deciso di interrompere le donazioni ai membri del Congresso che si oppongono alla certificazione di alcuni stati nelle elezioni generali del 2020”.

Jordan Libowitz, direttore delle comunicazioni di Crew, ha dichiarato: “Siamo grati che Toyota abbia visto la luce e smetterà di donare ai membri principali del partito di incitamento. Le campagne di pressione pubblica non dovrebbero essere utilizzate per convincerli a fare la cosa giusta, ma noi sono molto felice che abbia funzionato”.

Toyota è una delle numerose aziende che sono state criticate per aver donato denaro ai repubblicani, che hanno votato contro la dimostrazione della vittoria elettorale di Biden, proprio mentre una folla di sostenitori di Donald Trump ha attaccato il Campidoglio degli Stati Uniti e ha causato diversi morti. Un totale di 147 legislatori (di cui 8 senatori) hanno votato contro la certificazione.

Prima dell’inversione a U di Toyota giovedì, l’anti-Trump Political Action Committee Lincoln Project, istituito dai repubblicani prima delle elezioni dello scorso anno, ha lanciato una nuova campagna pubblicitaria che invitava i clienti a boicottare la casa automobilistica.

“È ora di chiamare la leadership di Toyota”, ha detto un narratore nell’annuncio. “Se non riconsiderano dove inviare denaro, gli americani riconsidereranno dove inviamo denaro”.

Progetto Lincoln: questo progetto cerca di rivedere la sua leadership e strategia dopo molestie sessuali e problemi finanziari scandalo -Ha detto che avrebbe lanciato pubblicità simili ad altre società che hanno donato soldi ai legislatori che hanno votato contro la dimostrazione dei risultati elettorali.

“Toyota ha fatto la scelta giusta oggi”, ha detto Project Lincoln dopo che la casa automobilistica ha cambiato posizione. “Hanno messo la democrazia prima della politica delle transazioni. Speriamo che altre società negli Stati Uniti seguano l’esempio”.

Diverse grandi aziende, tra cui Facebook, Microsoft e JPMorgan Chase, hanno dichiarato che ritireranno o esamineranno le donazioni politiche subito dopo le rivolte del 6 gennaio, mentre alcune aziende hanno chiarito che non invieranno repubblicani che si oppongono alla certificazione.

Ma il finanziamento aziendale è già iniziato gocciolare Negli ultimi mesi è entrata nel tesoro del Partito Repubblicano, comprese le donazioni politiche di aziende come Cigna, Intel e T-Mobile.La raccolta fondi è previsto Sarà ulteriormente aumentato prima delle elezioni di medio termine del prossimo anno, quando entrambe le camere del Congresso si sfideranno.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *