Uomo armato uccide 100 civili nel nord del Burkina Faso


L’uomo armato ha ucciso circa 100 civili in un attacco a un villaggio nel nord del Burkina Faso. Questo è l’ultimo grave incidente in un violento attacco a questo paese dell’Africa occidentale senza sbocco sul mare che continua da anni. Migliaia di persone sono state uccise, più di 100. Migliaia di persone sono state sfollate.

Il governo ha descritto gli uomini armati come terroristi e ha dichiarato di aver attaccato Sol Khan vicino al confine con il Niger venerdì notte, bruciando case e mercati locali.

“La difesa nazionale e le forze di sicurezza stanno lavorando duramente per trovare ed eliminare gli autori di questo atto spregevole”, ha affermato il presidente Roch Kabore. “Dobbiamo rimanere uniti e combattere insieme queste forze del male”.

Nessuna organizzazione ha rivendicato l’attentato, ma dall’inizio di quest’anno le organizzazioni locali associate allo Stato Islamico e ad Al-Qaeda hanno intensificato gli attacchi nell’area.

L’anno scorso, gli incidenti violenti in Burkina Faso sono diminuiti drasticamente a causa di un cessate il fuoco informale prima delle elezioni di novembre. Ma gli analisti hanno detto che da allora la tregua è fallita.

Un mese fa, almeno 30 persone sono state uccise da uomini armati nella vicina Kolydel. L’area di confine al confine tra Mali, Niger e Burkina Faso è diventata il centro di attività estremiste e il fulcro degli sforzi antiterrorismo nel Sahel guidati dall’operazione francese Crescent Duns, che conta 5.000 persone.

La Francia è intervenuta nell’area nel 2013 per reprimere la ribellione jihadista che ha occupato il nord del Mali. Nonostante la missione di pace delle Nazioni Unite di 13.000 persone e migliaia di soldati francesi e nazionali, da allora la violenza si è estesa al Mali centrale, al Niger e al Burkina Faso, dove c’è stato un brusco crollo e vaste aree hanno perso il controllo del governo. .

Oltre alle violenze, la regione sta vivendo un periodo di grave instabilità politica, che potrebbe incidere sulla lotta al jihadismo.La Francia ha sospeso questa settimana le operazioni congiunte con l’esercito del Mali Secondo colpo di stato Tra meno di un anno.

Ad aprile, il Ciad, un altro alleato chiave nella battaglia, i cui soldati sono considerati i più esperti ed efficaci nella regione, nel suo leader uomo forte Idris Derby Ucciso dai ribelli.

L’esercito ha rapidamente nominato suo figlio presidente ad interim, ma resta la domanda su quanto conflitto si verificherà tra gli alleati del Ciad all’interno dei ranghi più alti dell’esercito.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *