Volkswagen e l’ex CEO Martin Winterkorn raggiungono un accordo di 10 milioni di euro


Secondo persone che hanno familiarità con la questione, Volkswagen consiglierà ai suoi azionisti di accettare un accordo di circa 10 milioni di euro dall’ex boss Martin Winterkorn.

La casa automobilistica tedesca ha annunciato a marzo che avrebbe Cercare danni Da Winterkorn, era a capo del gruppo prima dello scandalo delle emissioni diesel del 2015.

In questo incidente, è stato scoperto che 11 milioni di auto avevano un software installato che testava ingannevolmente le emissioni.Finora, Volkswagen ha pagato più di 32 miliardi di euro in multe e spese legali.

Volkswagen ha deciso di citare in giudizio Wendern, Chi si è dimesso In qualità di CEO, poco dopo la scoperta dello scandalo, lo studio legale Gleiss Lutz ha presentato quest’anno un rapporto completo su Dieselgate.

Il rapporto, commissionato dal Board of Supervisors Volkswagen, ha concluso che il senior management della società “era stato negligente”.

La seconda casa automobilistica al mondo per vendite ha successivamente accusato Wendern di essere a conoscenza dell’esistenza di software illegale dal 27 luglio 2015, ma non è riuscito a “chiarire il suo utilizzo”.

Inoltre, Volkswagen ha dichiarato che l’ex capo “non è riuscito a garantire che le domande sollevate dalle autorità statunitensi al riguardo ricevessero una risposta veritiera, completa e senza indugio”.

Il consiglio di sorveglianza della Volkswagen ha inoltre concluso che l’ex capo Audi Rupert Steid aveva violato il suo dovere di prudenza, così come gli altri quattro dirigenti. Steide ha negato di aver commesso un errore.

Winterkorn ha respinto le accuse di illeciti. L’avvocato che agisce per suo conto ha detto a marzo che nella fase di preparazione di Dieselgate, “ha fatto tutto il necessario e non ha omesso nulla che potesse accadere… per prevenire o ridurre al minimo i danni causati”.

Lo scorso fine settimana, il Consiglio dei Supervisori Volkswagen ha discusso l’accordo transattivo di marzo con tutti gli imputati e queste proposte saranno presentate agli azionisti durante l’assemblea generale annuale della società il mese prossimo.

Per la prima volta, Business Insider ha riportato 10 milioni di euro in un accordo transattivo con Winterkorn. Volkswagen ha confermato la decisione del consiglio di vigilanza, ma ha rifiutato di commentare il numero esatto di qualsiasi accordo.

Winterkorn deve affrontare accuse separate di frode e sarà processato in Germania nel settembre di quest’anno. È stato anche accusato negli Stati Uniti, ma è improbabile che venga processato lì perché la Germania non estrada i suoi cittadini. Ha negato le accuse.

Stadler è attualmente sotto processo a Monaco di Baviera e il caso durerà per diversi mesi.

Durante l’incontro, il consiglio di amministrazione della Volkswagen ha anche votato per estendere il mandato di Hans Dieter Pötsch, che ha assunto la carica di presidente della società poco dopo lo scandalo del 2015.

L’anno scorso, Volkswagen Accettato di pagare una multa di 9 milioni di euro Si è concluso un caso in cui Pötsch e l’attuale CEO Herbert Diess sono entrati in Volkswagen nel luglio 2015 e loro stessi sono stati accusati di aver manipolato il mercato alla vigilia dello scandalo Dieselgate.

I pubblici ministeri tedeschi hanno accusato il duo di nascondere informazioni che gli azionisti hanno imbrogliato, “incidendo illegalmente sul prezzo delle azioni della società”.

Dopo che lo scandalo è stato scoperto, il prezzo delle azioni Volkswagen è crollato di oltre il 40% e il suo valore di mercato è evaporato di miliardi di euro.

La società ha dichiarato che le accuse contro Pötsch e Diess erano infondate.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *