Voucher lavoro dell’Inps, boom di vendite, presto anche in tabaccheria

Dall’agosto del 2008 ad oggi, sono stati ben 4,1 milioni i voucher per pagare i lavoratori occasioniali che sono stati venduti in Italia. Per facilitare il commercio e la possibilità di incassare questi buoni, è stato firmato un accordo fra l’Inps, l’ente che emette questi voucher, e la Federazione Italiana Tabaccherie: con questo accordo, l’utente potrà recarsi in una tabaccheria preposta alla vendita o all’incasso di buoni, evitando le lunghe code postali.

[ad]

Antonio Mastrapasqua, Presidente e Commissario Straordinario dell’Inps, ha così commentato l’accordo con i tabaccai italiani. “Questo è un passo per avvicinare sempre di più l’Inps ai cittadini. Aiuteremo l’Italia ad eliminare lavoro nero e irregolare in tutte quelle attività che si definiscono ‘lavoretti’ saltuari, o più correttamente lavoro occasionale e accessorio”. Entrando nel merito dell’accordo con la Federazione Italiana Tabaccherie, Mastropasqua spiega: “Per l’Inps è una collaborazione molto importante: la rapida diffusione dei voucher deve poter contare su una crescente facilità di vendita e di incasso; questa convenzione è mirata alla semplificazione dell’uso del voucher, in sintonia con l’estensione nell’uso dello strumento prodotta dalla Finanziaria”.

L’idea dell’Inps di retribuire il “lavoro occasionale e accessorio” con questi voucher emessi proprio dall’Inps, è stata molto utile ed ha riscosso un grande successo: sono stati venduti in Veneto quasi 800mila, la regione più “virtuosa”. Seguono Emilia Romagna (490mila), Piemonte e Lombardia (400mila ciascuno) e Toscana (380mila).

Dunque già a partire da Aprile potremo utilizzare questi voucher nelle tabaccherie convenzionate, oltre i canali soliti come gli uffici Inps o gli uffici postali.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *